De Laurentiis e il tuo gioiello nelle mani sbagliate

De Laurentiis-gioiello-Napoli

Probabilmente il gioiello Napoli quello prodotto e valorizzato da Aurelio De Laurentiis, si sta per frantumare. I motivi sono tanti, anzi diciamolo sinceramente, già è stato un miracolo che sia durato tanto.

Napul’è una città che ha solo il Sole , come unica ricchezza e unica virtù di cui può andare fiera. Tuttavia il motivo che mi rattrista di più e che imputo solo al Presidente De Laurentiis, la colpa di non aver costruito un nucleo di collaboratori alla sua altezza.
Come Berlusconi in politica, solo leccaculi e incapaci, alla fine bastava poco.

De Crescenzo e la città d’amore

Come diceva il grande indimenticabile Luciano De Crescenzo, la nostra è una città d’amore, tu questo non lo hai capito ahimé. Hai pensato, facendo benissimo alla sostanza, hai costruito un gioiello invidiabile da tutti in tutto il mondo. Napoli modello virtuoso nel calcio moderno, una roba pazzesca, hai dimostrato che tutti i luoghi comuni che massacrano la nostra città sono cazzate. Se si è capaci, a Napoli facciamo sempre la differenza, e chi pensa che senza te come ahimé pensano una quantità abbondante di tifosi, basterebbe non solo ricordare loro dove eravamo quando sei partito con il progetto, ma dove sono oggi le squadre gloriose del Sud. Avellino, Palermo, Foggia e Bari…

Bastava poco, un po’ di amore e collaboratori all’altezza, alla fine ti resteranno avvocati e carte bollate.

Ma ti ringrazierò sempre, ero fiero della mia squadra, hai fatto la storia e considerando il livello del calcio italiano, e come se avessimo vinto ogni anno uno scudetto.
Ci resteranno le buche, i lavori in corso cronici, i trasporti del terzo mondo con almeno la Metropolitana più bella del mondo.

“Basta ca ce sta ‘o sole,
ca c’è rimasto ‘o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe’ cantá.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
scurdámmoce ‘o ppassato,
simmo ‘e Napule paisá!.”

Salvatore Piedimonte

Seguici e metti Mi Piace:
error0

Adani caro filosofo della supercazzola Allegri è pieno di idee (VIDEO)

Allegri-Adani

Sono costretto a spiegare, dopo mesi,  in maniera più precisa perché, il pur bravo Adani, in questa discussione dice fesserie di livello mondiale altissimo. Non capisce nemmeno, perché travolto dalla sua filosofia, in teoria giusta ma immaginaria nella pratica, cosa gli sta spiegando con un cucchiaino mister Allegri.

Questo video non è come quelli che si vedono su YouTube. C’è anche il pezzo iniziale che completa integralmente tutta l’intervista e la considerazione finale di Adani farlocca come spiegherò quando Allegri non era più in collegamento.

Innanzitutto contestualizziamo: siamo alla fine di Inter Juventus, partita quasi decisiva per lo scudetto, siamo su SKYJUVE a leggere su tutti i social.            Visto il risultato ribaltato, la prima considerazione sarebbe dovuta essere: “complimenti mister partita vinta con garra charrua, vi siete ripresi lo scudetto”.  Poi magari dopo a discutere del match e con tutte le considerazioni e critiche possibili. Siamo sempre su SkyJuve che miseria, (invece poi qualche mese più tardi la garra charrua riservata solo alla sua squadra del cuore, la storia di Vecino l’uruguaiano è una banalissima trovata).

IL COLLEGAMENTO CON ALLEGRI

Ma torniamo sul pezzo, e ascoltate bene le critiche che invece partono immediatamente ad Allegri appena Alciato lo collega con lo studio. Ascoltate l’imbarazzo del mister che alla fine di quel match, ancora carico di adrenalina, con somma intelligenza, cerca di smorzare con il suo solito stile.                            Ma non solo Adani, pure il bravissimo Marco Cattaneo, se ascoltate bene, lo provoca continuamente parlando in sottofondo, impedendogli di spiegare ancora meglio il pensiero, e ad un certo punto, sembra naturale la risposta che a parer mio distrugge inequivocabilmente il pensiero di Adani.

Max dice che pure nella pallacanestro dove gli schemi sono tutto, nel momento topico la palla decisiva viene sempre affidata a quello che é il più bravo a fare canestro, e conclude facendo la differenza sulla grandezza del campo di calcio. Cioè voleva semplicemente dire che non sono solo gli schemi, che appunto nel basket sono importanti, a fare la differenza, ma gli interpreti. Altrimenti non ci sarebbero le categorie, e Messi e Ronaldo non varrebbero così tanto.

Max poi spiega che la sua squadra nelle ultime 21 partite ha vinto 18 volte, pareggiato 2 e perso solo una. Come si può pensare che questi numeri siano facili da raggiungere? Spiega che nel calcio non esistono partite facili, nessuna squadra le può vincere tutte, dico, ma come si può contestare questa ovvietà? Nemmeno il Bayern, Real Madrid, il City di Guardiola, il Barcellona. Non esiste al mondo nessuna squadra capace di vincere tutte le partite. Ma possibile che il livello giornalistico sia così profondamente ottuso? Max lascia il collegamento molto arrabbiato.  Considerando certe affermazioni, fatte ad capocchiam, come il male del calcio italiano, sostenendo che oggi ai ragazzi non si insegnano i princìpi fondamentali, che sono la tecnica e la tattica individuale, che si dovrebbero commentare i gesti tecnici di coloro che sono veramente protagonisti del calcio, ovvero i calciatori.

IL CAPOLAVORO DI ADANI

Il capolavoro però Adani lo compie quando andato via Allegri. Cerca di trasformarsi in Buffa, diventando ridicolo, raccontando cose ovvie senza ahimè nessun fondamento su Max, perdendo lui completamente la lucidità. Parla di idee, le idee che secondo Adani son mancate ad Allegri per non vincere, ascoltate bene, contro la Spal o il Crotone e quelle di non aver fatto fare alla sua squadra un solo tiro in porta in queste partite. Dimenticando un solo piccolo particolare, che Allegri in 4 anni ha vinto tutto in Italia con 4 Coppe Italia pure, robe mai viste nel calcio italiano, ed è arrivato in finale 2 volte in Champions, nel momento più buio del calcio italiano, e nel periodo degli sceicchi, dei russi, di Messi e Ronaldo, del Barcellona di Xavi e Iniesta.

LE IMPRESE DI MAX

Max quando sì è trovato in difficoltà in Europa contro il Bayern e il Real Madrid è stato capace di ritornare in partita e sfiorare l’impresa. Lo 0-3 a Madrid penso sia uno dei capolavori calcistici degli ultimi 20 anni. Sfumato davvero per una sciocchezza. Anche a Londra contro gli Spurs ha davvero compiuto l’impresa. Una partita che sarebbe potuta cambiare subito se avesse avuto un rigore netto nel primo tempo, invece la squadra ha sofferto tantissimo, eppure lui nel momento topico, come si fa con il basket, sport che lui ama e conosce benissimo e che utilizza come gli scacchi nel suo calcio. Ha fatto 2 sostituzioni, ha fatto entrare due terzini cambiando l’assetto tattico della squadra, passando solo per quei 5′ sufficienti al 4-2-4 e con i suoi uomini migliori Higuain e Dybala ha ribaltato il match espugnando la squadra che in quella stagione in casa aveva battuto tutti.

NON SONO IDEE QUESTE CARO LELE?

Allora queste caro Adani cosa sono? Schemi vuoti? Che idee diffonde l’animo umano in questi momenti? Non sono idee nate nelle difficoltà? Come ha allenato a livello di strategia e di idee la sua squadra? Cosa sono per te caro filosofo della supercazzola prematurata al Meazza? (la citazione al Conte Mascetti è dovuta in questa circostanza) Non sono idee di calcio che fanno innamorare tutti gli sportivi sani? Ma dico come si può contestare alcune partite sbagliate che però non hanno mai inciso sul risultato finale della squadra.

Invece caro filosofo della antani sempre premaurata al Meazza, mi puoi spiegare perché il più grande di tutti i tempi (sempre dopo Conte altrimenti chi le sente le ciucce vedove) Josep Guardiola, in 5 anni non è stato capace di trovare l’idea giusta per arrivare almeno in finale di Champions senza Messi? Mi puoi spiegare come mai non è venuta l’idea giusta a Pep per sconfiggere i galattici del Monaco che poi sono stati maciullati in semifinale dallo sprovveduto Max?

Anche io chiedo per imparare e non giudicare. Perché vedi caro Lele, anche questa volta la tua resta teoria. Le mie idee invece danno animo ad un gioco che amiamo. Ma c’è sempre il curling che con i popcorn fa passare belle serate

Solo Allegri, Klopp e Zeman.

Così come vedi intendo anche cosa sono per me gli schemi.

SALVATORE PIEDIMONTE

Seguici e metti Mi Piace:
error0