Samp-Napoli 0-2: vittoria sofferta ma non banale

Samp-Napoli

Samp-Napoli 0-2. Dopo una pavida sconfitta allo Juventus Stadium, il Napoli andava a Genova, contro la Sampdoria dell’inossidabile Mr. Ranieri, in quel che rappresentava trasferta complicata: Demme, Lozano e Mario Rui in diffida con l’Inter alle porte. Settimana tipo a disposizione per i sampdoriani; turno infrasettimanale pesante per il Napoli. Alla fine vittoria è stata per i partenopei ma non a caso sofferta.

1. Napoli ad orologeria

Samp-Napoli si è rivelata complessa come ci si aspettava per gli azzurri: Samp rivelatasi come da pronostico intensa e molto ficcante sulle fasce. Napoli alla grande nel 1T, tanta sofferenza nel 2T. Equilibrio precario in mediana, dissoltosi soprattutto allo scoccare dell’ora di gioco: Politano e Insigne fisicamente non brillanti. La linea a quattro del centrocampo così ha progressivamente finito per non filtrare lateralmente gli attacchi avversari. Di Lorenzo e Rui ad un certo punto hanno iniziato inevitabilmente a concedere molto. I centrali e i mediani, però, hanno riempito molto bene l’area di rigore, alzando un muro che è risultato infine invalicabile.

Tuttavia tale muro stava per crollare, anzi è crollato, ma ha provveduto il Sig. Valeri correggendo al Var quello che non è sembrato un suo chiaro ed evidente errore. Thorsby aveva segnato un gol regolare su traversone da calcio d’angolo. Forse a poter essere incriminabile è la spallata di Keita Balde su Ospina: una carica al portiere inutile, perché Thorsby aveva preso magnificamente il tempo a Koulibaly in modo del tutto regolare.

2. Samp-Napoli, i gol di Osimhen e Ruiz

Scampato il pericolo, il Napoli comunque è rimasto basso con le linee a pogare contro i tentativi di spallata delle ali e terzini doriani. La squadra di Gattuso ha resistito anche grazie ai cambi (tardivi, e ancora una volta appena prima di un calcio d’angolo che anche stavolta aveva portato al gol avversario). Mertens e Lozano hanno dato quantomeno freschezza e qualità. Da un recupero palla di un monumentale Demme, gravato da una diffida in vista dell’Inter e per questo motivo ancor più grande la sua prestazione, viene imbeccato Mertens in posizione di rifinitore.

Palla nel corridoio del belga per la falcata irresistibile di Osimhen che buca Audero con un fendente sul primo palo e realizza quelli che sono i suoi gol, in contropiede. Il nigeriano che è in realtà entrato anche nel primo gol del Napoli, realizzando una combinazione trilatera in collaborazione con Piotr e Fabian Ruiz in seguito alla quale quest’ultimo ha impallinato la Samp e ricordato a tutti che livello di mezz’ala è. Oggi lo spagnolo però bene anche in mediana a 2. Il riposo causa covid salvifico per l’andaluso. Tornato dal contagio altro calciatore!

Dal canto suo, il nigeriano oltre al gol, come Fabian, ha sfoderato prestazione di grande sacrificio e intelligenza: corse infinite a pressare Audero. Dal suo atletismo e dai piedi di Fabian è passato un Napoli per 45 minuti alto e sereno nel palleggio. Il Victor però calato fisiologicamente alla distanza e beccato una volta di troppo in fuorigioco è rimasto nella partita a lottare per quanto possibile. Sforzi premiati dal bel gol!

3. Samp-Napoli e le note dolenti per il finale di stagione

Non abbastanza concentrato Lozano, che anche lui in diffida si fa ammonire, ma il messicano pare condizionato da un infortunio muscolare non del tutto smaltito. Ha poca benzina e per questo nervoso. Non è riuscito ad incidere dal punto di vista offensiva benché abbia dato una mano importante nelle retrovie.

Male Manolas, che nei primi minuti di gioco stava propiziando il gol della Samp, come Maksimovic in Genoa Napoli di un paio di mese fa. Il greco è apparso in costante affanno a differenza di Koulibaly mai ordinato ma estremamente presente nelle pieghe della partita.

Samp – Napoli, vigilia di un altro trittico decisivo a partire da Domenica prossima: Napoli – Inter. Poi Napoli – Lazio e Torino – Napoli. Da qui passa la qualificazione Champions degli azzurri, anche perché l’Atalanta ha in rapida successione Juve (nel weekend) e Roma (turno infrasettimanale). Meglio di così i partenopei, in termini di risultati, non potevano arrivare ma serviranno prestazioni più sicure e convincenti per staccare il pass per l’Europa che conta.

Massimo Scotto di Santolo

Juventus – Napoli 2-1: vince la squadra più convinta!

Partita godibile allo Juventus stadium, dove le squadre coinvolte – Napoli e Juventus – in un vero e proprio spareggio Champions si spartiscono un tempo per parte. Micidiale la Juventus nelle ripartenze e nelle combinazioni laterali durante il Primo Tempo; dominante ma spuntato il Napoli nel Secondo. Ai punti vince meritatamente la Juventus.

1. Primo Tempo: Napoli in difficoltà sin dalle prime battute

Il Napoli, alla vigilia del match contro la Juventus, aveva due risultati utili a disposizione per conservare vantaggio fondamentale sui biaconeri nella corsa Champions. Gattuso, “eroicamente”, sceglie di giocare un primo tempo all’arma bianca – forse vuole compiacere il gusto per il bel calcio di Adani in telecronaca, qualcuno si domanda -. Così il mister calabrese accetta l’uomo contro uomo della Juventus a tutto campo, come se anche per il Napoli la vittoria fosse l’unico risultato utile.

La pressione in avanti degli azzurri come al solito però risulta approssimativa. Squadra sin dalle prime battute spaccata in due. Demme e Ruiz talvolta così in avanti da finire sulla linea di Zielinski. Alla Juve (di Pirlo), storicamente brava a sfruttare la propria impressionante fisicità e ripartire in contropiede, non pare vero di poter approfittare di un Napoli in pressione ultraoffensiva quando riparte dal fondo. Così piazza almeno 3 contropiedi mortiferi in 50 minuti che alla fine fruttano il gol del vantaggio.

2. Primo tempo: Juventus coraggiosa

La Juve, tuttavia, ha avuto anche il coraggio, in preda ad un furore agonistico sconosciuto in questa stagione, di prendere a sua volta anch’essa molto alta il Napoli, sebbene abbia limitato tali operazioni soltanto ai primi venti minuti iniziali. La speranza degli uomini di Agnelli è apparso subito chiaro fosse quella di realizzare un gol subito e poi agire di rimessa. È andata proprio così.

Gattuso probabilmente sorpreso da un atteggiamento iniziale così veemente della Juventus, schierando Hysaj a sinistra e Mertens prima punta, ha tarpato ogni sbocco alla manovra del Napoli. Gli azzurri nel primo tempo sono risultati in definitiva lunghi, allorché senza palla, e senza profondità, allorché in possesso di sfera. Versanti in queste precarie condizioni di gioco, gli azzurri sono stati costretti spesso a consegnare il pallino del gioco alla Juventus, la quale come d’abitudine ha cercato sempre le fasce.

E su queste ultime il Napoli non ha mai contenuto le accelerazioni laterali dei bianconeri. Da una di esse nasce il primo gol di C. Ronaldo. Grande serpentina di Chiesa, cross basso al centro dell’area di rigore e il realizzatore portoghese colpevolmente lasciato solo da Rrahmani realizza la rete del vantaggio.

3. Secondo tempo: Gattuso prova a cambiare il match

La scelta di Lozano, fuori forma, non si rivela fortunata. Così nella ripresa Gattuso fa tempestivamente i cambi necessari: Osimhen e Politano per Demme e Lozano. E’ un Napoli ancor più offensivo del primo tempo ma deve recuperare un risultato troppo importante per la stagione. La Juventus anche strategicamente sceglie di abbassarsi. Il Napoli consegue dunque un dominio che però in definitiva resta non particolarmente pungente.

Di certo quando un allenatore, nel caso di specie Gattuso, si dissolve anche tatticamente in modo così leggero in una partita da tripla doppia, sale per primo sul banco degli imputati. Tuttavia, sono quantomeno correi i giocatori di lungo corso del Napoli stesso, accompagnati ormai da un destino debole.

Su imbucata leggibile di un centrale della Juventus per Dybala un quartetto di esimii tenori – Koulibaly, Insigne, Zielu, Hysaj: i superstiti dell’unica vittoria del Napoli di De Laurentiis allo Stadium insieme a Mertens – consente all’argentino di dipingere un sinistro a giro nell’angolino basso alla destra di Meret: gol bello ma evitabile. Impalati e impalatabili alle nostre lingue, i calciatori azzurri consentono all’unico giocatore di talento rimasto in campo di chiudere il match. 2-0 per la Juventus a 15′ dalla fine.

4. Secondo tempo: il forcing finale del Napoli

Poi, per il forcing finale, il terzino albanese tardivamente lascia il posto a M. Rui. Troppo il tempo in cui Gattuso si è concesso Hysaj in campo mentre la squadra era stata da lui stesso completamente destinata alla vocazione offensiva. Con il fenicottero Osimhen stabile in area di rigore, il terzino portoghese, entrando prima, avrebbe potuto disegnare qualche cross interessante.

Infatti, il nigeriano si procura il rigore che Insigne trasforma e lascia quantomeno il Napoli in completa parità negli scontri diretti, laddove si finisse a pari punti con la Vecchia Signora. L’unico rigore assegnato dei tre palesi: i tifosi del calcio italiano si chiedono dove sia finita la credibilità dello strumento Var?

Massimo Scotto di Santolo

Napoli-Crotone 4-3: vincono gli attacchi

Napoli-Crotone

Di scena al Maradona stadium va un incontro quasi da testacoda. I partenopei di Gattuso contro gli squali del redivivo Serse Cosmi. I calabresi strappano applausi per come giocano, veloci e garibaldini, ma concedono tanto, troppo. 74 reti subite di cui altre 4 al vecchio San Paolo. La forza offensiva del Napoli è andata a nozze.

1. Napoli-Crotone, il primo tempo

Napoli-Crotone. Gattuso, in vista della supersfida di Mercoledì contro la Juventus, si concede leggero turnover e arma i cannoni, presenta un 4231 a fortissima trazione anteriore con Mertens e Osimhen contemporaneamente di punta. Squadra naturalmente squilibrata, constando sulle fasce di due ali e due terzini di spinta alle loro spalle, si presentava grammaticalmente però corretta al fischio d’inizio per chiudere presto la pratica Crotone.

Cosmi, dal canto suo, complice una rosa a sua disposizione votata al gioco veloce e offensivo, ha presentato un centrocampo leggero con Zanellato, Benali e Messias a supporto di due punte vere come Simy e Ounas. Il trasformista Molina invece decentrato sulla fascia sinistra. Lui di piede buono ma destrorso.

L’equilibrio del Napoli, gravitante completamente intorno al perno consumato di Bakayoko, sarebbe stato facilmente attaccabile con altro undici iniziale da parte dei calabresi. Ma la lettura originaria dell’allenatore degli Squali ha lasciato al Napoli il dominio completo del gioco e della partita. Il Crotone non abilissimo a marcare in area di rigore, non a suo agio se schiacciato nella propria metà campo, crolla in un primo tempo sotto i colpi di Insigne, Mertens e Osimhen.

Eppure, che il Napoli fosse vulnerabile Cosmi lo comprende già nella sciagurata prima frazione di gioco dei suoi, durante la quale comunque colleziona due contropiedi mortiferi. In uno Manolas propizia un gol di Simy quasi collocabile nella categoria “auto-gol”; nell’altro Meret mette le mani su quello che a quel punto sembra un tranquillo Sabato prepasquale in quel di Napoli.

2. Parentesi: il gol d’Insigne

Ormai il capitano ha raggiunto gradi e status quo. Dopo tante lamentele talvolta ingiustificate, il talento di Frattamaggiore ha la centralità nel progetto del Napoli tanto cercata e richiesta a società e allenatori. E Gattuso, che è anche una sua creatura, sta ricevendo regali in versione di Perle e Coralli.

Ieri, più che il gol, resta negli occhi lucidi dei tifosi partenopei lo schiaffo in sforbiciata volante che Lorenzo Insigne, dopo attacco andaluso alla linea difensiva, di esterno destro ha dato al pallone per servire l’accorrente Osimhen. Il nigeriano ha così potuto depositare a porta vuota il gol che porta la sifda Napoli-Crotone sul 2-0. Nelle more: ragguardevole la punizione di Mertens… forte e tagliente! Quanto basta per togliere tempo d’intervento a Cordaz, incolpevole portiere e bandiera storica del Crotone.

3. Napoli-Crotone, il secondo tempo

Cosmi entra nella ripresa con le idee chiare in testa. Sposta soldatino Molina a destra. Insierisce il più arcigno Pedro Pereira al posto dell’aitante Rispoli. Inoltre accomoda in panchina lo spento Ounas, che lascia il posto in attacco all’irrefrenabile Messias. A centrocampo viene aggiunto un centrocampista di presenza come Vulic.

Ecco che di fronte ad un Crotone molto più equilibrato rispetto a quello del Primo Tempo un Napoli anche appagato va in difficoltà. Gli squilibri del 1 tempo che non avevano preoccupato diventano lacune. Il Napoli perde sin dall’inizio del 2 tempo il controllo della gara. E gli azzurri quando non sono padroni del proprio destino tendono a perdere anche le certezze psicologiche acquisite.

Sono 25 i minuti di agonica sofferenza del Napoli. I partenopei soffrono il palleggio del Crotone e non mordono in avanti. Black out complessivo in cui i poco brillanti Manolas e Maksimovic giungono a consuzione. Il greco concede anche un secondo gol, quello del 3-2, spazzato via da Simy. Il serbo compie harakiri tecnico: scopre la palla che Messias rapina con destrezza e s’invola con una certa qual cattiveria a depositare in porta per l’impronosticabile 3-3 in rimonta del Crotone.

Che Maksimovic sia difensore ormai fuori dal progetto Napoli è cosa che lui stesso ribadisce ogni volta che indossa scarpini da calcio ormai da Dicembre. Che Manolas dipenda troppo dalla sua salute atletica, è fatto altrettanto noto: con Koulibaly il greco ha media gol subiti di 0.73 – proiezione su 38 partite di 27 gol subiti: media scudetto -. Manolas e KK hanno giocato 1107 minuti, pari a 12 partite. Il dubbio su Manolas non è tecnico ma fisico. Gioca troppo poco per garantire ciò che in coppia con il centrale senegalese può dare difensivamente al Napoli, ossia numeri da scudetto.

4. Ci pensa Giovanni Di Lorenzo

Napoli-Crotone sembra compromessa. Vulic ha l’opportunità del ribaltone definitivo. Spreca! Allora ci pensa un terzino che da bambino era soprannominato BatiGol, conosciuto da tutti come Giovanni Di Lorenzo. Il fin troppo sottovalutato Giovanni sfodera un marchio di fabbrica del suo repertorio… il gol! Rientra sul sinistro e trova l’angolino basso alla destra di Cordaz. 4-3, come con la Lazio in un Sabato prepasquale di tanti anni fa. All’epoca fu tripletta di Cavani a segnare delirio al San Paolo.

Poi l’ingresso poco dopo il gol di Zielinski: parità numerica a centrocampo ristabilità con colpevole ritardo e partita di nuovo nelle mani del Napoli, pertanto in ghiaccio. Elmas, inoltre, che si procura trafiletto cronachistico offrendo, già prima del quarto gol, gamba e sprint ad una mediana dilaniata dall’inconsistenza di Bakayoko progressivamente riacutizzatasi.

Casatiello e Pastiera sono salvi… ora finalmente deglutibili e digeribili. Buona Pasqua!

Massimo Scotto di Santolo

Gigi Maifredi: “In Italia poca fantasia. Si vive ancora su quanto fatto da me e Zeman”

Gigi Maifredi ha rilasciato forti dichiarazioni a Tuttomercatoweb.com. Il suo è un duro attacco al modo si preparare gli allenatori a Coverciano.

“I problemi della serie A? Credo che fortemente indiziato sia Coverciano – confessa Gigi Maifredi – dove ti insegnano a essere tatticamente impeccabile e a giocare sugli avversari e questa è la cosa peggiore. L’Italia purtroppo non sforna gente di fantasia. Ancora si vive su quanto fatto da me e Zeman. Che poi è stato messo alla conoscenza di tutti da Arrigo Sacchi che si è adeguato a un gioco nuovo avendo una squadra fantastica. Ed è diventato un gioco che è ancora attuale”.

Che cosa serve allora?

“Il calcio non può star fermo ad una sola impostazione. Serve uno strappo e non vedo gente che salvo eccezioni, abbia la capacità di farlo. C’è bisogno di una squadra importante che faccia un gioco nuovo e può essere allora a quel punto un modello. In Italia non c’è più fantasia ma un impegno tattico incredibile. Il campionato italiano è il più difficile di tutti perchè se fai una cosa c’è subito lo studio per pararla, mentre all’estero si è più liberi mentalmente, lo dimostra anche l’Inghilterra con un gioco improntato su giocatori con caratteristiche diverse da quelle che ci sono in Italia”.

A Coverciano cosa occorrerebbe fare?

“Mi hanno chiesto spesso se volevo far qualcosa ma non ne ho mai sentito la voglia. Se vado a dire certe cose, sono atipiche e verrei combattuto come uno che bestemmia. Bisogna partire dalle conoscenze tecniche dei giocatori e poi occorre che emerga la fantasia. A Coverciano ti indottrinano in tutto, dalla medicina alla psicologia, e quando esci di lì sei bravo a rispondere ai giornalisti e bravo in campo ad applicare il tuo credo. Io vorrei invece che mi dicessero invece 5 modi intendere calcio. Invece uno esce da lì col suo unico modo che ha in testa. Nel basket ad esempio vengono fatti degli aggiornamenti ogni 3-4 mesi e i tecnici vanno ad imparare quel che altri propongono. Qui ognuno è geloso di quel che ha e pare se lo voglia portare nella tomba”.

Roma-Napoli, La rinascita azzurra in due mosse: a Spasskij risponde Fischer

Il Napoli proviene da 6 partite senza sconfitte: 5 vittorie e 1 pareggio. Una serie di 4 vittorie e 1 pari in campionato ha portato il Napoli a -2 dal 3 posto con una partita da recuperare in casa della Juventus. Molti ascrivono tale rinascita al recupero degli infortunati e all’assenza di impegni infrasettimanali ma è un racconto parziale di una verità più ampia.

1. Un racconto parziale della verità

Il periodo positivo in cui gli azzurri partenopei ultimamente si sono prodotti, riaccedendo le speranze Champions e alimentando qualche rimpianto in ottica scudetto, è stato confermato dalle due vittorie esterne in casa del Milan e della Roma.

La stampa e i media locali, qualche pagina d’opinione influente, ha ricondotto questa nuova primavera azzurra al recupero degli infortunati e alla settimana di allenamento completa di cui oggi Gattuso può godere per preparare i match.

Si tratta di una ricostruzione veritiera ma parziale e soprattutto, a differenza di quanti molti credano, profondamente declassante per mister Gattuso. Non si può immediatamente non far notare che se un allenatore non è in grado di gestire una rosa per colpa dei tanti infortuni e per il turno infrasettimanale di coppa, è un coach non ancora pronto per certi palcoscenici nazionali.

2. Gli infortunati e la settimana tipo

E che Gattuso sia un progetto di ottimo allenatore è giudizio fondato. Non è altrettanto pienamente sostenibile che però le fortune del Napoli dipendano soltanto da un ritorno degli acciaccati. Prima della partita europea allo stadio Maradona contro il Granada, il primo match dei sei senza sconfitta degli azzurri, al Napoli mancavano: Ospina, Manolas, Hysaj, Demme, Lozano, Petagna e Osimhen.

Il Napoli ha potuto puntare sino alla partita della Roma su quattro rientri: Hysaj, Ospina, Osimhen e Demme. E in realtà due delle ultime sei partite di successo dei partenopei sono ricorse anch’esse in turni infrasettimanali: Granada e Sassuolo.

E allora se mancano all’appello Lozano, Petagna e Manolas e nel frattempo si è perso per un altro po’ di tempo anche Osimhen (causa trauma cranico in quel di Bergamo) e infine in ordine temporale Ghoulam, Rrahmani e Lobotka, i conti dell’infermeria continuano a non tornare.

Come non torna la questione dell’infrasettimanale: il Napoli a rigor di logica avrebbe dovuto cedere anche al Granada e al Sassuolo. Nonostante alterni momenti d’imbarazzo comunque non ha perso.

3. La mossa alla Bobby Fischer di Gattuso per rispondere a quella di De Laurentiis alla Spasskij

Chi erano Bobby Fischer e Spasskij? Due dei più grandi campioni di scacchi di tutti tempi. L’americano capace d’interrompere prima di altri l’egemonia russa sul gioco di cui Spasskij era fulgido esponente. Fischer uomo dalla mente misteriosa, dal carattere non facile e in grado di enormi slanci razionali e di rovinose cadute. Spaskij eroe contemporaneo di una Russia sempre meno sovietica e rivale numero uno dell’amico-nemico statunitense.

Fischer come tanti altri giocatori di scacchi ha assunto ben presto come ideale da seguire e da battere i maestri russi. Gattuso ha rimodulato l’impostazione della squadra nelle prime fasi del giro palla. Esigenza sopraggiunta anche dalla necessità di rispondere con orgoglio al silenzio stampa imposto da De Laurentiis – la prima delle due mosse -, con il quale il produttore cinematografico ha interrotto la campagna mediatica antipresidenziale condotta nei post partita da Gattuso. Quest’ultimo, da questa scelta in poi, non ha potuto che concentrarsi sul campo, profondendo massimo sforzo per recitare un finale Jordaniano.

Il presupposto necessario per questa mossa era sicuramente il recupero a pieno regime di Diego Demme, il quale rappresenta manna dal cielo per la squadra e per Fabian Ruiz rispetto allo spaesato Bakayoko. Demme con la sua frequenza di passo compensa quella antitetica dello spagnolo, mentre la sua tecnica lineare ma pulita consente un possesso dal baricentro basso che per quanto ancora artefatto ad oggi risulta quantomeno ragionato.

4. L’influenza di Mertens

La nuova vita stagionale di Osimhen e Mertens è caratterizzata dalla poca brillantezza atletica. Il belga ha ribadito anche per questo che sottopunta proprio non ci vuole giocare più; a maggior ragione se le gambe non lo aiutano, mentre al contempo quelle del polacco Zielinski, nella medesima posizione, al momento ballano una danza che per frequenza e cura dell’estetica appartiene alla poesia del Sudamerica.

Mertens ha conquistato una titolarità che ormai viaggia sui 60′ minuti a partita. L’ultima mezz’ora per i contropiedi mortiferi lasciata alla pantera Osimhen. Ora si poneva il problema di sviluppare una manovra che per un’ora mancasse del puntero e quindi dello sviluppo di un calcio diretto e verticale.

Così Gattuso sceglie di mantenere dal calcio di fondo del portiere la struttura classica del 4+2, la quale però non è più tale, a differenza di prima, quando il Napoli supera la prima pressione oppure recupera la palla e non può andare subito verso la rete. In questi secondi casi, il Napoli si riposiziona con una difesa a tre: i due centrali di difesa e uno dei due mediani che tende ad aprirsi sempre a destra. Un centrocampo a rombo dove l’ampiezza è data dai terzini mentre la bisettrice del centrocampo collega Demme a Zielinski. E poi l’attacco a tre di cui una delle due ali deve stringere dentro al campo a seconda della posizione che assume Piotr sulla trequarti.

5. Le altre squadre

Il Napoli aveva già provato a programmare questa rotazione dei calciatori in fase di possesso ma soltanto dopo aver perso sia Osimhen che Mertens. Per la prima volta questo disegno tattico andò in scena senza successo a San Siro contro l’Inter.

Replicò con migliori fortune il Napoli di Cagliari e quello casalingo contro la Fiorentina di Prandelli. Una soluzione che però non ha mai avuto seguito e continuità per la confusione che ha in seguito attanagliato tecnico e società, della cui tregua sancita dal silenzio stampa hanno beneficiato soprattutto i giocatori.

Questa rimodulazione del Napoli nasce dall’esigenza d’inseguire la modernità tracciata da Guardiola al City, della quale da ormai un po’ di anni si fregia Gasperini e che Inzaghi, Pirlo e Conte hanno provato a replicare con alterne fortune. E’ il futuro l’impostazione che gli storici della tattica definirebbero olograficamente con una lettere dell’alfabeto: la W. L’ampiezza in questo modulo è donata dai terzini.

Il Milan è l’unica squadra come il Napoli a mantenere l’impostazione 4+2 dal calcio di fondo, perchè le altre squadre propongono la W sin dal rinvio del portiere. I rossoneri in questa frazione di gioco appaiono meno in imbarazzo rispetto ai partenopei. Questo è riconducibile alla qualità di Tonali o Bennacer superiore a quella di Demme e Bakayoko. La scelta di volere la quantità piuttosto che la qualità davanti alla difesa è attribuibile a Gattuso – che così immaginò anche il suo Milan operaio -.

E infine, l’altra grande differenza risiede nella prima punta: il Milan ne ha utilizzate tre, tutte strutturate dal punto di vista fisico. Leao, Rebic e Ibra. Il Napoli non si è posto il problema, esattamente come non se lo è mai dovuto porre Pioli, fin quando ha avuto Osimhen, cioè soltanto nelle prime 9 partite stagionali. Poi il buio… che ora pare finalmente diradarsi.

Massimo Scotto di Santolo

Roma-Napoli, Zeman: “Mi interessa, ma il calcio oggi non mi entusiasma”

Durante l’intervista al Corriere Dello Sport, Zeman ha detto la sua, oltre che su Roma-Napoli, anche sul calcio attuale senza pubblico

“Roma-Napoli mi interessa. Anche se questo calcio non mi entusiasma e la colpa non è di nessuno. Senza pubblico non è la stessa cosa e vengono meno le motivazioni, per tutti e anche per chi sta in campo. Io sto in divano, visto che mi hanno chiuso i campi da golf. Avverto la differenza. Me lo faccio piacere insomma. E comprendo chi deve giocare in queste bolle vuote”.

Spezia, Italiano: “Ho letto i complimenti di Zeman, non riuscivo a crederci”

Spezia-Italiano-Mito-Zeman

Lo Spezia di Italiano torna a vincere contro il Cagliari 2-1. Nel posto partita ha parlato dei complimenti ricevuti da Zeman. Quello che non hanno fatto tanti giornalisti, presidenti e procuratori, lo sta facendo questo ragazzo, questa rivelazione della panchina che ha capito quanto significhi Zeman per questo sport e lo manifesta con un’emozione vera, ci arriva, e ripaga di tanti silenzi che questo calcio italiano ha regalato a chi ne è entrato nella storia e nel cuore di chi lo segue.

 “Era più di un mese che non vincevamo – dice l’allenatore dello Spezia – ci tenevamo a farlo: in vantaggio di due gol, soffrire in quel modo negli ultimi 5-10′ non è normale. Sono tre punti importanti, che arrivano dopo un periodo non bello e ce li prendiamo tutti. Dietro in classifica iniziano ad andare forte, i 29 punti continuano ad essere pochi”.

È possibile soffrire meno quando affrontate calciatori alti?

“È una questione difficile, è il momento più complicato per una linea difensiva quello del forcing finale degli avversari. Anche a me piacerebbe stare lontano dall’area quando arrivano calciatori come Cerri, Pavoletti, Simeone… Ma nei minuti finali l’allenatore sparisce (sorride, ndr)”.

State dimostrando che con l’organizzazione si può fare un campionato importante.

“A parte gli ultimi minuti, oggi abbiamo fatto una gran bella partita contro un avversario ricco di qualità ed esperienza. E noi, invece, abbiamo tanti debuttanti. I 29 punti, a dieci giornate dalla fine, non sono tanti, ma cercheremo di alimentare l’entusiasmo che ci dà questa vittoria. Cerchiamo di aggrapparci a qualche principio, all’identità che abbiamo cercato di avere. Sono contento dei miei ragazzi, ma anche nello spogliatoio ho ribadito il concetto che bisogna continuare a correre”.

Zeman l’ha elogiata.

“Ho letto le sue parole, è una soddisfazione enorme per me e mi danno ulteriore carica. Non l’ho mai avuto come allenatore da calciatore, l’ho sempre sognato. Essere allenato da lui sarebbe stato bellissimo. Quando ho letto le sue parole non volevo crederci, mi hanno caricato. È un maestro, sono orgoglioso. E poi in settimana è arrivata la convocazione di Ricci in Nazionale, è un altro bel traguardo”.

Avete quasi vinto tutti gli scontri diretti e poi avete resistito nel finale: sono segnali importanti

“Nell’ultimo periodo stavamo alternando troppi momenti positivi e negativi nella stessa gara, nel secondo tempo oggi ho temuto un calo dei miei. Quando passiamo in vantaggio spesso non la perdiamo. Faccio i complimenti al mio portierone Zoet, ci prendiamo questi tre punti”

SALVIO IMPARATO

Zeman: “Italiano mi somiglia, in Italia si lavora poco fisicamente”

Zeman-Corsport-Italiano

Dopo un lungo silenzio, il Boemo è tornato a parlare. Ecco le parole di Zeman al Corriere Dello Sport, intervistato da Antonio Giordano.

La Roma è rientrata ieri pomeriggio dalla Ucraina

«Penso non incida. Se sei allenato bene – afferma Zeman – hai la possibilità di recuperare sino a domenica sera. E comunque non sarà un aspetto condizionante: gli organici sono ampi, si può procedere con le rotazioni».

Ma la Roma le piace?

«Non glielo posso dire…».

Faccia un’eccezione… 

«Contro le prime della classifica, ha conquistato pochi punti. E domenica scorsa hanno cominciato anche a perdere con il Parma. Anche questi sono segnali».

Domenica ha la possibilità di rivalutarsi, anche agli occhi della classifica, con il Napoli. 

«Che per me è favorito, in questo momento. Ma pure a loro manca la continuità nelle prestazioni, un paio buone e poi una o qualcuna sbagliata. E dipende, comunque, da come affronteranno la partita: se per vincerla o se per non perderla».

Il campionato del Napoli è border line: può arrivare in Champions o ritrovarsi anche niente tra le mani. 

«È una stagione deludente, complessivamente, ma la vittoria di Milano è una speranza, riavvicina gli azzurri al quarto posto e consente almeno di credere che sia possibile qualifi carsi per la Champions».

Insigne è sempre di più il miglior calciatore italiano? 

«Più passa il tempo e lui più diventa bravo. A me le classifiche sui calciatori non piacciono, però lui ci mette qualità, ti diverte, fa le due fasi, anche se una di queste non è cosa sua. Quando bisogna difendere, lui non ne prende una. Però ci mette tanta buona volontà e comunque sa fare ombra al giocatore avversario. Solo che per andare a coprire è costretto a rimetterci qualcosa in chiave offensiva”.

“L’Inter per vincere lo Scudetto ha dovuto rinunciare alla Champions?

“E invece seriamente io dico che in quel momento l’Inter non era convinta delle propria forze. Resto convinto che giocare ogni tre giorni sia possibile e che una squadra con quell’organico potesse permettersi il doppio e triplo impegno. Però, rivado a quei giorni e ripenso che all’epoca, probabilmente, Conte e i suoi non fossero pienamente consapevoli della loro consistenza. Succede”.  

Italiane eliminate in Champions

“Non siamo mai stati grandi lavoratori. Siamo indietro fisicamente, tecnicamente e tatticamente – dice Zeman – c’era già un gap. Si è dilatato con il virus, il problema è ampio. Ma siano concesse le attenuanti generiche”.

In Europa è rimasta solo la Roma

“E’ l’ennesimo campanello d’allarme, vuol dire che si è commesso qualche errore in precedenza”.

Scelga il nome di un allenatore che l’ha incuriosita. 

«Il primo, ma da anni, è Gasperini: ha una mentalità che colpisce, vuole sempre avere la palla e poi attacca, insegue la vittoria. In un calcio in cui in tanti passano la palla all’indietro, manco fossimo nel rugby, l’Atalanta fa altre cose e anche assai belle».

E poi un giovane: ce n’è uno in giro che un po’ qualcosa di lei sembra ce l’abbia dentro. 

«Italiano non si accontenta, devo dire che penso un poco mi somigli. Vuole salvarsi attraverso il gioco: lo propone e non lo subisce. E non ha paura».

Per divertirla, tra un po’, ci saranno gli Europei: perché la Nazionale di Mancini le piace.

 «Sempre pensato che fosse il Ct ideale per l’Italia. E il campo lo sta confermando…».

Le faccio alcuni nomi: Florenzi, Immobile, Insigne, Romagnoli e Verratti… 

«Li conosco bene. E spero che tutti e cinque possano esserci all’Europeo. Hanno meritato queste soddisfazioni, hanno lavorato duro e sempre, non si sono accontentati di ciò che il destino gli ha concesso. Io li ho semplicemente allenati e ognuno si è impegnato per migliorarsi”

Scarpa d’oro, Immobile: “Zeman tecnico di attacco, attacco e attacco”

Scarpa-d'oro-Zeman-Immobile

A margine del ritiro della Scarpa D’oro, Ciro Immobile si è raccontato ai microfoni di Marca e ha parlato anche di Zeman.

“È stato bello aspettare il trofeo Scarpa D’Oro, la cosa più importante è che l’ho presa. Dopo un romanista non potevo mancare io. Toni e Totti erano giocatori straordinari e campioni del mondo. Sono orgoglioso di seguire le loro orme e vedere il mio nome tra tutti i grandi calciatori che hanno vinto prima di me. Questa Scarpa d’Oro è una sorta di vendetta, ma non contro qualcuno personalmente. Nel calcio ognuno ha il suo momento e la scorsa stagione è stato il mio”.

IMMOBILE, LA PANDEMIA E GLI INIZI ALLA JUVE

 “Ho scoperto la passione per la cucina e per il giardino. Poi ballo con mia moglie e i miei figli. Questo mi ha fatto andare avanti. La Juve a 17 anni? É stato un cambiamento difficile per me tra due realtà completamente diverse. A quel tempo ero giovane e pieno di sogni per arrivare in Serie A. Per farlo devi sacrificarti tanto e avere un amore assoluto per il calcio. Ho lavorato duramente per arrivare a questa Scarpa d’Oro. So che molti giovani hanno questi sogni e stanno attraversando un momento difficile in questo periodo di pandemia. Ma voglio incoraggiarli: stringete i denti, non mollate, perché tutti abbiamo l’opportunità di realizzare i nostri sogni professionali. Mia madre venne a Torino per farmi tornare a casa, era il giorno del mio compleanno. Mi disse: ‘Sbrigati e torna, che ci fai qui?’ Fortunatamente, per una volta, non ho ascoltato mia madre”.

LAZIO E NAZIONALE 

“A Roma siamo felici, la mia famiglia adora la città. Insieme alla società e all’allenatore Inzaghi stiamo costruendo insieme un progetto che ci ha portato tanti successi. E vogliamo lavorare per altre gioie. È stato difficile prendere l’eredità di Klose alla Lazio. La stessa situazione mi è capitata al Borussia Dortmund dopo l’addio di Lewandowski.”

KLOPP E TUCHEL

Non mi piacciono i confronti. All’estero ho comunque imparato molto anche se, a livello sportivo, le cose non sono andate in modo ottimale. Klopp è stato impressionante, si distingue per il suo spirito combattivo. Tuchel mi è sembrato un tipo meticoloso, un allenatore all’italiana”. 

ZEMAN

“Zeman era un tecnico da “attacco, attacco e attacco”. Questo mi ha regalato il primo titolo da capocannoniere in Serie B nel 2012 con il Pescara. In quella squadra c’erano anche Insigne e Verratti. La Nazionale? Non andare al Mondiale 2018 la più grande delusione della mia carriera. Ma come spesso accade, abbiamo imparato molto da questo. Con Mancini ora stiamo facendo un risultato fantastico e i risultati parlano chiaro. Si sente che i tifosi sono di nuovo entusiasti dell’Italia”

Pazienza: “Zeman ha aiutato molto Insigne”

pazienza-zeman-insigne

L’ex centrocampista del Napoli Pazienza, ha parlato del suo Napoli e di quello attuale, di Insigne e Zeman al programma “Il Sogno Nel Cuore”.

“Il mio Napoli – dice Pazienza – veniva da un momento diverso rispetto al Napoli attuale. Anche un pareggio, come quello ottenuto al Meazza in San Siro nel 2011, era qualcosa di meraviglioso visto che venivamo dalle ceneri del fallimento, dalla Serie C e dalla Serie B.

SPIRITO DEL GRUPPO

Quel gruppo, però, aveva uno spirito che ha aiutato tantissimo la società a crescere sempre di più, fino ad arrivare ai livelli attuali. Nello spogliatoio attuale si intravede uno spirito molto diverso da quello che avevamo noi. Nel calcio moderno – afferma Pazienza – si formano squadre dove si scontrano culture, lingue ed abitudini diverse”

COESIONE

“Per mantenere coesi questi gruppi c’è bisogno di calciatori che facciano da collante. Probabilmente, al Napoli di oggi mancano proprio queste figure, che sono importantissime all’interno di uno spogliatoio. Servono innesti di figure di riferimento, che siano trainanti per il resto del gruppo. E nel mio Napoli c’erano diverse figure di questa caratura.”

INSIGNE E ZEMAN

“L’ho vissuto da giovanissimo, e già si vedevano delle qualità tecniche importanti, anche se non mi aspettavo riuscisse a fare questo tipo di carriera a causa del suo fisico. Ma lui è stato bravo andando a giocare in prestito dove c’era Zeman che lo ha aiutato a migliorarsi e specializzarsi nel suo ruolo.”

BAKAYOKO

“Non credo si sia involuto, ma c’è un evidente calo di tutta la squadra. Lui ha un nome importante, così come lo stipendio, e, di conseguenza, viene preso maggiormente di mira dalle critiche quando fa male. Sulle sue prestazioni può pesare anche il fatto che sia in prestito secco, soprattutto nel finale di stagione, in un momento come questo dove non si riesce a dare una svolta ai risultati sul campo. In maniera involontaria potrebbe essersi lasciato un po’ andare, sapendo di non fare parte del progetto futuro del Napoli”.