Spagnolo e Atalanta, attacco a Zeman evitabile e prematuro

Il direttore operativo dell’Atalanta, Riccardo Spagnolo, ha pubblicato un post su instagram evitabile e senza una certezza concreta sulle parole di Zeman

View this post on Instagram

🖤💙 VERGOGNATI 🖤💙

A post shared by Roberto Spagnolo (@roberto_spagnolo_ata) on

Non sappiamo con certezza se nella parole di Zeman c’era la volontà di accusare l’Atalanta di doping. Ma di sicuro sappiamo meglio di tanti come interpretare le sue dichiarazioni e i toni con i quali le manifesta. Non crediamo ci siano già i presupposti per attaccare il Boemo in questi termini, specialmente senza una dichiarazione esplicita del maestro del 4-3-3. Capiamo la sensibilità, specialmente per chi di Bergamo ha sofferto il dramma Coronavirus. Siamo sicuri però che Zeman non voleva insinuare nulla, anzi sembrava più che altro sorpreso in positivo sul lavoro di Gasperini e del suo staff. Non ci è sembrato l’accusatore dipinto dalla stampa strumentalizzando le sue dichiarazioni. Alla stessa stampa, che ha dipinto come untore Gasperini, è bastato associare le parole del tecnico di Praga all’allusione che fece a gennaio Pistocchi. L’ex moviolista di Mediaset insinuò che una volta assunto il preparatore atletico che lavorò alla Juventus con Moggi e Agricola, la Dea incominciò a correre per 90’. Questo non basta per tirare in mezzo questa polemica e stimolare commenti come “Sarò felice di venire al tuo funerale”, “sei un perdente fallito”, “non ti azzardare a parlare a sproposito, taci verme”. È chiaro che ora sia necessaria una smentita da parte di Zeman e stoppare questa polemica alimentata per qualche click. Noi abbiamo provato a commentare e dialogare in privato con direttore Spagnolo, ma purtroppo sembra fermo sul suo pensiero e solo un “dietrofront” di Zeman forse potrebbe cambiare la situazione.

SALVIO IMPARATO