Sansovini: “Anche il nostro Pescara sapeva fare vittorie poco Zemaniane”

L’ex capitano, “Sindaco” del Pescara e match winner di Pescara-Cittadella 2011, in un’intervista a IlMessaggero ed. Abruzzo, parla del suo passato con Zeman e dell’attuale corso del Boemo. Domenica all’Adriatico ci sarà proprio il Cittadella, e sarà sempre 8 ottobre come sei anni fa.

ANCHE NOI FACEMMO VITTORIE “SPORCHE”

“Anche quella squadra, che sapeva dare spettacolo e segnava gol a grappoli, sapeva vincere con il minimo scarto e difendendosi. Punti come quelli contro il Cittadella furono preziosi per arrivare allo sprint finale. E anche quelli del Pescara di oggi, tra Cremona e Carpi, sono fondamentali: alla fine torneranno utilissimi alla squadra di Zeman. Due trasferte con quattro punti, un gol fatto e zero subiti, sono tanta roba. Noi ne facemmo diversi di risultati utili un po’ “sporchi”, come il pari di Vicenza e con il Padova in casa”

PESCARA POCO ZEMANIANO

“Vedo poco di Zeman nel Pescara di questo momento, ma la cosa non è per forza negativa. Si sta arrivando ad un punto d’incontro tra le idee del tecnico e le caratteristiche dei calciatori a disposizione. Si parla di difesa non altissima,ma ricordo che sei anni fa, dopo un periodo di crisi, anche noi passammo ad una difesa più prudente, con Bocchetti terzino e con la linea che scappava all’indietro per stare più coperta. Subimmo meno e vincemmo le partite decisive nella fase finale della stagione. Insomma, se la squadra trova equilibrio e i singoli si esprimono al massimo, credo che vada bene a tutti. Uno come Bovo, che può dare esperienza, qualità nell’impostare il gioco da dietro e fisicità, in serie B resta un privilegio”

SU PETTINARI

“Ma io in Stefano ho sempre creduto: per me da anni è l’attaccante più forte in circolazione in serie B nella partecipazione alla manovra, diciamo fuori dall’area – chiude Sansovini – . Gli mancava trovare la via del gol con facilità e ci sta riuscendo. Merito della sua consapevolezza e anche della squadra che lo mette spesso in condizione di segnare. I suoi 7 gol finora non mi meravigliano. Giocando questo calcio riuscirà a fare grandi cose. E con lui gli altri attaccanti. In questo, il mister resta unico e le sue squadre sempre un incubo per le avversarie”

Bovo: “Sono contento per la vittoria, i miglioramenti difensivi sono di squadra e ha ragione Zeman dobbiamo crescere”









Ha parlato Cesare Bovo, dopo la vittoria di Carpi è lui il maggior indiziato per il miglioramento del reparto difensivo del Pescara. Molte delle sue parole a conferma, dei concetti e delle dichiarazioni di Zeman, sulla crescita della squadra che non dipende solo dal suo ritorno, anche se afferma che c’è un guadagno in esperienza. Nel link il video ufficiale del Pescara Calcio in cui il difensore usa spesso la frase: “Come dice il mister”.






Salvio Imparato





[contact-form][contact-field label=”Nome” type=”name” required=”true” /][contact-field label=”Email” type=”email” required=”true” /][contact-field label=”Sito web” type=”url” /][contact-field label=”Messaggio” type=”textarea” /][/contact-form]

Zeman: “1-0 non è grande risultato, fa solo bene alla classifica” (VIDEO)

Dal Twitter ufficiale del Pescara calcio, il link della conferenza post partita di Zeman. Da sempre amante di un calcio propositivo, si gode il risultato con riserva, e ribadisce tanti dei suoi concetti, uno tra i tanti: “Se i miei attaccanti sono in area di rigore avversaria, i difensori devono salire”.

Zeman: “Non voglio più vedere la prima mezz’ora come a Cremona”

Queste le prime parole che filtrano dalla confernza di Zeman, alla vigilia di Carpi-Pescara. Ha parlato anche delle difficoltà di Ganz, dei problemi alla caviglia di Kanouté e le indisponibilità di Zampano e Crescenzi.

Salvio Imparato

[contact-form][contact-field label=”Nome” type=”name” required=”true” /][contact-field label=”Email” type=”email” required=”true” /][contact-field label=”Sito web” type=”url” /][contact-field label=”Messaggio” type=”textarea” /][/contact-form]

CARPI PROBLEMI PER MBAKOGU E MBAYE

L’attaccante ha già saltato la gara di Chiavari e continua a lavorare a parte. Per il centrocampista una lesione di media entità alla coscia che lo terrò fuori almeno un paio di settimane

Solo alla vigilia di Carpi-Pescara sapremo se il Carpi potrà contare su Jerry Mbakogu. L’attaccante biancorosso ha già saltato la gara di sabato scorso a Chiavari per uno sfilacciamento dei legamenti del ginocchio, subito durante il match in serale col Foggia. Un problema al ginocchio con cui il nigeriano ha già dovuto convivere l’anno scorso e a inizio stagione. A Chiavari, considerato anche il campo in sintetico, si è preferito non rischiarlo e anche in questi primi due allenamenti della settimana Mbakogu è rimasto a parte. Solo fra domani e giovedì mister Calabro inizierà a capire se davvero dovrà ancora farne a meno: senza di lui, e non è un caso, il Carpi a Chiavari per la prima volta in stagione nelle 8 gare fra campionato e coppa non ha trovato la via del gol, per questo un recupero contro il Pescara sarebbe fondamentale.
Chi salterà invece di certo la gara contro Zeman è Malick Mbaye, che a Chiavari è uscito a inizio secondo tempo per un dolore alla coscia. Da subito è sembrato qualcosa di più che una semplice contrattura e infatti gli esami effettuati ieri hanno evidenziato una lesione di media entità ai flessori. Lo stop previsto è di almeno 2 o 3 settimane, una brutta tegola per Calabro che almeno può contare in mediana sul recupero di Saber che ha scontato l’ultima giornata di squalifica.

[contact-form][contact-field label=”Nome” type=”name” required=”true” /][contact-field label=”Email” type=”email” required=”true” /][contact-field label=”Sito web” type=”url” /][contact-field label=”Messaggio” type=”textarea” /][/contact-form]

Oggi doppia seduta per il Pescara

Ieri ripresa degli allenamenti per i ragazzi di Zeman in vista dell’importante sfida con il Carpi, in programma sabato 30 settembre con inizio ore 15,00 allo Stadio “Sandro Cabassi” di Carpi.

Seduta video e allenamento atletico nel pomeriggio presso il centro tecnico sportivo “Poggio degli Ulivi” di Città Sant’Angelo. Lavoro differenziato per Leonardo Mancuso, Ransford Selasi, Emmanuel Latte Lath, Hugo Campagnaro; Escono anzitempo Francesco Zampano e Mamadou Coulibaly; Fermi Marco Perrotta, Andrea Palazzi e Mattia Proietti.

Oggi prevista doppia seduta di allenamento.

PERROTTA

Dopo la lesione muscolare subita durante la partita contro l’Entella, Perrotta dovrà stare ancora fermo almeno quindici giorni. Il suo ritorno in campo dovrebbe avvenire per la trasferta al Tardini contro il Parma.

MANCUSO

Leonardo Mancuso, alle prese con una lesione muscolare tra il primo e il secondo grado al retto femorale che lo blocca da un mese, potrebbe a breve riaggregarsi al gruppo. Nella giornata di oggi si sottoporrà a degli esami strumentali che potrebbero dargli il via libera per allenarsi con i compagni.

Sabato capiremo di più, se l’involuzione offensiva vista a Cremona è stata conseguenza della doppia sfida in settimana, o di un passo indietro nella mentalità.

Salvio Imparato