Napoli-Sassuolo 0-2: questi i fantasmi di Gattuso

Napoli-Sassuolo 0-2: Questi i fantasmi di Gattuso

Napoli-Sassuolo, Arne Slot ha bloccato il pimpante Napoli; De Zerbi, stasera, impone a Gattuso di rivederlo completamente. Nelle ultime 4 partite 3 gol fatti e 4 subiti: 2 Vittorie e 2 Sconfitte. Prima di incontrare l’esiziale allenatore olandese, 3 partite 12 gol fatti e 0 subiti.

1. Gattuso, croce e delizia

Napoli-Sassuolo, partiranno, a Napoli, le polemiche sugli arbitri ma i partenopei hanno perso perché De Zerbi come Arne Slot, togliendo la profondità a Osimhen, ha incartato Gattuso. Gli olandesi hanno raggiunto lo scopo praticando il buon vecchio catenaccio; De Zerbi, invece, non rinunciando al proprio gioco ma inserendo un difensore in più, che, a differenza di quello dell’Atalanta ad esempio, non aveva il compito di aggredire in avanti ma di staccarsi per chiudere successivamente alle spalle dei due marcatori.

Rino rinnoverà. Cosa buona e giusta. Gattuso ha lo spogliatoio in mano, è un allenatore giovane, promettente, che bada al sodo. Ed ha soprattutto metodologie di allenamento e idee contemporanee. Pur tuttavia, bisogna rendicontare la contestuale ambivalenza del suo animo da coach: la verticalità di Flick del Bayern Monaco; il pragmatismo speculativo italico. Questo è un vizietto che al momento gli impedisce di spiccare il volo. Difetto che, dal canto suo, De Zerbi ha completamente superato. L’ex trequartista anche del Napoli ha letteralmente, dal punto di vista tattico, preso a ceffoni Gattuso.

Quest’ultimo, anche in questa Domenica, ha creduto che gli avversari potessero cadere nella propria presunzione accettando di lasciare campo alla giovane gazzella Osimhen. Quando è possibile conquistare punti senza snaturarsi ma semplicemente abbassando il proprio baricentro, è presuntuoso credere che gli altri non siano abbastanza intelligenti da adattarsi alle proprie proposte. La mancanza di un piano B alle contromosse avversarie rappresenta la circostanza aggravante di un comportamento già in partenza (pre)supponente.

2. Le lacune del Napoli dopo Napoli-Sassuolo

Rino ci mostra che sa gestire la rosa numericamente in tutta la sua profondità ma non ancora per tutte le sue caratteristiche. Ancora una volta, impaurito dal calcio champagne di De Zerbi, ha troncato tutte le velleità offensive per una buona ora preferendo Hysaj a Rui. In realtà, appare ancora mancante di due tasselli il processo di completamento della squadra partenopea.

Se da una parte la fase difensiva, a dispetto dei due gol subiti contro il Sassuolo, risulta più che sistemata; dall’altra parte, tutta la dinamica offensiva risulta sterile. Al momento Napoli-Sassuolo racconta che, il Napoli è una squadra che sa esprimersi, offensivamente parlando, soltanto in contropiede, quando l’avversario gli lascia campo.

Inoltre, non appare coerente ottenere dal mercato una squadra fisica per poi non imbastire uno schema da calcio piazzato che sia uno. Non mancano i centimentri ma neanche i tiratori. Da quando la profondità è stata tolta, il Napoli ha segnato 3 gol in 4 partite. Nelle prime 3, 12 gol. Involuzione da studiare.

3. Parola d’ordine ambizione

La sconfitta di oggi pomeriggio, dopo Napoli-Sassuolo, rimane però una brutta figura come quella maturata contro l’Az. Il Sassuolo è squadra seria e quadrata. Il Napoli non lo ha sottovalutato ma ne è risultato comunque inferiore. Inaccettabile se sei più forte; ancor meno se il Sassuolo mancava di tre quarti della delantera titolare. La brutta figura ci può stare in un processo di crescita graduale che il mister deve fare insieme alla squadra.

Questa però, a parere di tutti, è la rosa più forte dell’era De Laurentiis. E’ bene chiarire che la critica, quest’anno, sulla valutazione di Gattuso non farà pesare tanto il vincere quanto il competere si.

Poiché Gattuso continua a ripetere come un mantra durante le conferenze stampa che l’obiettivo è il quarto posto, bisogna che faccia i conti con gli occhi dei giornalisti e dei tifosi, esattamente come Ancelotti, pagandone con il posto di lavoro, ha fatto con i calciatori. I mass media hanno perfettamente contezza di quanto sarebbe uno spreco e un fallimento accontentarsi di lottare per un anno intero al solo scopo di entrare dalla porta principale alla prossima Champions League.

Massimo Scotto di Santolo

De Zerbi: “Zeman è uno dei pochi ad aver cambiato questo sport, zemaniano è un complimento”

Roberto De Zerbi ha rilasciato un’intervista al Corriere Dello Sport a margine della sfida contro la Lazio di Simone Inzaghi

De Zerbi che bilancio fa dell’inizio di stagione del Sassuolo?

«Potevamo avere qualcosa in più. Intendo un po’ di continuità – afferma De Zerbi – ma anche qualche punto».

E’ deluso?

«No perché bisogna valutare tutto, ovvero quanti giocatori nuovi sono stati acquistati, quanti sono andati via e che problematiche ci sono state a livello di infortuni e di ar- rivi a mercato quasi finito. E’ vero che in alcune partite sia- mo venuti meno sotto il profilo dell’attenzione e della cura dei dettagli, e queste sono cose non dovrebbero succedere, ma ci sono state anche gare ben giocate».

Come il derby vinto prima del- la sosta con il Bologna.

«Siamo venuti fuori bene da un momento non semplice e abbia- mo trovato la quadratura del cerchio. Ora bisogna prosegui- re così, senza guardare la clas- sifica. Lo scorso anno a questo punto eravamo più avanti, ma non è detto che non possiamo far bene. Il campionato ora è più equilibrato e, se 12 mesi fa a un terzo del torneo c’erano già due squadre proiettate ver- so una stagione difficile (Chie- vo e Frosinone, ndr), ora tutte sono in salute. Lo confermano gli incontri difficili che vengo- no fuori ogni domenica».


Quanto è importante per voi aver ritrovato Caputo?

«Onestamente non lo abbiamo mai perso. Ha avuto un momen- to complicato dal punto di vista fisico, ma per noi è sempre stato determinante e ci dà quell’espe- rienza e quella mentalità del- le quali la squadra ha bisogno. Spero che con il Sassuolo si tol- ga quelle soddisfazioni che fino- ra in carriera gli sono mancate a causa della sfortuna».

Quanto è dispiaciuto per l’infor- tunio che sta togliendo Berardi a lei e al ct Mancini?


«Gli infortuni fanno parte del calcio, ma nel suo caso dispiac- ciono particolarmente perché Domenico per noi è determi- nante non solo come calciatore, ma anche come uomo squadra».

Sorpreso con uno con le sue qualità non indossi ancora la maglia di una grande?

«Sorpreso fino a un certo punto. Lui è straordinario, ma è anche un ragazzo di una sensibilità spiccata e devi saperlo prendere. Solo così ti dà tutto. Per comprendere il Berardi calciatore devi comprendere il Berardi uomo che è di alto spessore».

Quanto è stata pesante per Berardi e lo spogliatoio la perdita di Squinzi?


«E’ un vuoto che si fatica a colmare anche adesso perché il patron Squinzi era davvero una persona diversa. Uno come lui manca e, anche se non era presente tutti i giorni a causa della malattia, si faceva sentire mandando i suoi messaggi attraverso l’amministratore delegato o il team manager. Onorare il suo ricordo deve essere uno stimo- lo in più».

Anche Boga può arrivare in una grande?


«Deve completarsi e al talento pazzesco di cui dispone, per arrivare in una grande deve aggiungere altre cose come i gol, la partecipazione all’azione e il non isolarsi per lunghi tratti della gara. Boga però non è l’unico giocatore forte che abbiamo: ci sono Locatelli, il rientrante Rogerio, Traoré, Djuricic che recentemente è stato convocato in nazionale dalla Serbia dopo 4 anni, Duncan…».

Con Rogerio sistemerà la fascia sinistra

«Ci è mancato tanto esattamente come Ferrari. I tanti infortuni abbassano il livello dell’allenamento e io sono uno di quegli allenatori che preferisco sbagliare le scelte piuttosto che es- sere obbligati dall’emergenza a fare la formazione».


Domenica dovrete guardarvi dall’ex Acerbi sui calci piazzati.

«Non solo da lui perché se la Lazio non è la squadra più forte del campionato sui calci piazzati, poco ci manca. Acerbi mi sarebbe piaciuto allenarlo».


Chi è il pericolo pubblico nu- mero uno tra i biancocelesti?

«Ce ne sono trequattro: Immobile, Correa, Luis Alberto e Milinkovic. Se ti concentri su uno, magari ne perdi un altro»

Immobile può vince la classifi- ca dei cannonieri?

«Penso di sì. Se la giocherà con Lukaku e Ronaldo».


Per la Lazio è l’anno giusto per conquistare la Champions?

«Sì, ma a questo obiettivo loro sono andati vicini anche due stagioni fa, mentre la scorsa hanno vinto la Coppa Italia. La Lazio è da tempo ad alti livelli, non dimentichiamolo».

Quanti meriti ha Inzaghi?

«Tanti, perché negli anni alla Lazio ha sempre fatto benissimo e non è una cosa scontata: a Roma le pressioni sono forti».

Che partita si aspetta?

«Difficile perché loro ti possono far male sia schiacciandoti sia quando ripartono. Dovremo affrontarli con le nostre armi e senza paura».

La infastidisce se i suoi critici sostengono che il Sassuolo in- cassa troppi gol e che De Zerbi non cura la fase difensiva?

«No perché sono abituato alle critiche: sono da 25 anni nel mondo del calcio e so che quando le cose non vanno bene arrivano le critiche. Il Sassuolo è una formazione a trazione anteriore, ma curiamo allo stesso modo le due fasi. Il problema è che il nostro gioco necessita di attenzione massima e non si possono commettere errori».

E se le dicono che per le tante reti subite lei è un po’ zemaniano cosa risponde?

«Essere zemaniano per me è un complimento perché Zeman è uno dei pochi allenatori che ha cambiato questo gioco. Se mi paragonano a lui, sono orgo- glioso. Non mi piace prendere tanti gol e non parto per vincere
4-3, ma se sono avanti 1-0 non amo gestire il risultato».

I suoi ammiratori invece ribattono che le squadre di De Zerbi puntano sempre a giocare bene.

«Lo dicono quando vanno bene le cose… Io credo che il bel gio- co sia una definizione sbagliata e comunque troppo soggettiva. L’organizzazione invece racchiude tutto ed è oggettiva. Perché una formazione funzioni deve essere equilibrata in entrambe le fasi».

Viene prima il risultato o il bel gioco?

«Partecipare a questo dibattito vuol dire voler creare Guelfi e Ghibellini a tutti costi, ma io non la vedo così. I risultato li vogliono tutti, ma ci sono diverse vie per raggiungerli».

Quali sono gli allenatori ai quali si ispira?

«Guardiola è stato ed è tuttora il numero uno, ma aggiungo anche Sarri, Giampaolo, Gasperini e Bielsa. Di quest’ultimo mi hanno colpito la coerenza, il coraggio e la persona che è: ho avuto la fortuna di cono- scerlo 3-4 anni fa ed è davvero uno uomo di spessore elevato».


Anche De Zerbi come Bielsa è un po’… Loco?

«A me Bielsa non ha dato l’impressione di essere “loco”, ma solo vero, autentico, intransigente rispetto ai suoi valori e fermo nelle sue convinzioni morali. Io non mi reputo loco, ma so quello che voglio, quello che inseguo e vivo per quello che faccio».

Chi vincerà lo scudetto?

«Juventus perché è la più forte».
Il ritorno di Conte cosa ha dato al calcio italiano?

Il ritorno di Conte cosa ha dato al calcio italiano?

«Un competitor che lo scorso anno la Juve non aveva, ma anche idee nuove: Conte gio- ca ancora 3-5-2, ma qualcosa ha cambiato e ha riportato la sua mentalità vincente».

Chi è il giovane italiano da tenere d’occhio per il futuro?

«Locatelli. Finché sarà con me cercherò di spremerlo per migliorarlo e completarlo, anche scontrandomi con lui se ci sarà bisogno».


Quanto l’ha colpita la vicenda di Mihajlovic?

«Tantissimo e a lui penso spesso, non solo quando parlo del Bologna, anche in tanti momenti della giornata. Per me merita la Panchina d’Oro: per come ha gestito il problema della sua malattia, per la dignità con cui sta vivendo questo momento e per come, nonostante la sua assenza, la squadra va in cam- po ovvero con coraggio, organizzazione e temperamento».

Spera di abbracciarlo al Dall’Ara per Bologna-Sassuolo dopo che all’andata Sinisa non c’era?

«Spero tanto che riesca a guari- re perché questa vicenda va al di là del calcio. Noi allenatori siamo sempre immersi nei pro- blemi e trascuriamo tutto, an- che la famiglia e gli vaghi a volte. Quando però ti capita una cosa del genere, ti fa riflettere e capisci i veri valori della vita».

Il calcio italiano riuscirà a eliminare il razzismo?

«Secondo me non c’è razzismo nel calcio, ma nella nostra società, nella vita di tutti i giorni. Allo stadio, poi, oltre al razzismo c’è il campanilismo».

E’ pro o contro il Var?

«A favore e alla grande. Tutto può essere migliorato, ma rispetto a 5-10 anni fa, quando c’erano dei processi per un rigore dato o non dato, quello attuale è un altro sport».

Quale sogno ha nel cassetto?

«Finire bene quest’anno, far crescere i tanti giocatori che ho e migliorare l’undicesimo posto della passata stagione. Per me sono tutte belle sfide».

Quando in passato ha letto che il Barcellona la seguiva, cosa ha pensato?

«Che non ci credevo tanto».

Firmerebbe per centrare la sal- vezza all’ultima giornata?

«Rubo una frase di Gasperini, quella in cui dice che “non firmo per niente”. La salvezza è il nostro obiettivo primario, ma siccome questo lavoro lo faccio con passione e amore, io non firmo per niente».

A proposito di passione, quando qualche anno fa in Foggia-Pisa vi siete incrociati lei e Gattuso, en- trambi ne avete messa un po’ troppa in campo…

«In quell’occasione abbiamo di- scusso perché ci giocavamo un obiettivo importante. Può capi- tare a due caratteri caldi e forti come i nostri, ma io non porto rancore a nessuno. Figuriamo- ci a lui che a livello di tempe- ramento mi assomiglia. Ci sia- mo già chiariti senza problemi e lo aspetto in Serie A».