GENOA QUASI IN B: ONORE A BLESSIN

Il Genoa perde il derby della lanterna, la stracittadina di Genova, ed è condannato dall’acerrima rivale della Sampdoria ad una quasi sicura retrocessione.

1. IL DERBY DELLA BEFFA

Probabilmente il Genoa andrà in B, nel modo più amaro possibile, ossia perdendo un derby salvezza contro la Sampdoria. Sconfitta beffarda per 1-0. Nessuno poteva immaginarlo. Gli eterni rivali blucerchiati, superiori nelle individualità, arrivavano da una crisi nera; una crisi di gioco e di convinzione. Coach Giampaolo sembrava ormai il prete chiamato a procedere con l’estrema unzione.

Nessuno poteva immaginare nemmeno il finale drammatico: Criscito, eterno capitano rossoblu, che sbaglia il rigore dell’1-1 durante i minuti di recupero. E sarebbe bastato anche un punto alla compagine genoana per cullare ancora speranze di salvezza.

2. CHI E’ ALEXANDER BLESSIN?

Se però c’è stato un ultimo ballo, un ultimo ribollire di contrastanti emozioni per un gioco così banale e allo stesso tempo globale, la gradinata rossoblu del Grifone lo deve al signore in foto: Alexander Blessin.

Il quale, pur non senza qualche defaillance, ha rianimato con il defibrillatore un ambiente morto e un’armata Brancaleone. Tecnico tedesco, giovanissimo per gli standard del calcio italiano, scuola Redbull. Kloppiano convinto.

Per vincere nel calcio professionistico bisogna portare ai massimi livelli la poesia e l’agonismo del calcio dilettantistico. Questa potrebbe intendersi come sua massima. Furore agonistico, caos organizzato… mai mollare.

3. BLESSIN, EROE ROMANTICO

Blessin ha creato in pochissimi mesi un ambiente da salvezza lì dove ormai c’era solo mesta rassegnazione alla retrocessione.

E dopo non aver centrato l’obiettivo, che sull’onda di un entusiasmo contagioso pareva ormai alla portata, Alexander rimane in tribuna con moglie e figlia, come uno di noi, a ragionare sui perché della sconfitta, sugli errori di un obiettivo difficilissimo e sfumato sul più bello nonostante ci credessero tutti a dispetto dei risultati conseguiti di giornata in giornata.

Rimane sugli spalti di Marassi a prendersi la brezza marina addosso, la tristezza dei marinai intorno e a condividere con loro la mulattiera del mare verso nuovi e futuri orizzonti. Tutti possibili e realizzabili con la nuova proprietà, quantomeno stabile dopo i disastri pluriennali di Preziosi.

4. BLESSIN E L’ITALIA

Se dovesse rimanere alla guida del Genoa anche in B, sembrerebbe proprio che il calcio italiano abbia acquisito un nuovo (positivo) personaggio, al quale ha regalato lo stesso football tricolore l’amore per questo gioco.

1989, Neckarstadion di Stoccarda. Stoccarda – Napoli 3-3. Sulle tribune tinte d’azzurro emigrante e orgoglioso si canta: porompompero-però-porompompò. Blessin è lì con loro, con i partenopei, guarda attonito l’amore per questo sport e il suo nunzio vincere la Coppa Uefa. Canta gli stessi Cori vesuviani e decide di diventare un mister per gioco e per passione.

Infine la vita, maliziosa, sembra avergli regalato consacrazione proprio in un’altra città di mare, Genova, fino a poco tempo fa gemellata con quella Napoli che, quando conviene, sussume l’Italia tutta. Blessin-Genoa è una storia che gradiremmo continuasse ad esistere anche in serie B, grazie!

Massimo Scotto di Santolo

Genoa – Napoli 1-2: prima la vittoria e poi Anguissa

Il Napoli si presentava a Marassi per sfidare i rossoblu di Ballardini con tre assenze pesanti: Zielinski, Osimhen e Demme. Il Genoa peraltro si mostrava avversario molto gagliardo per riscattare la brutta sconfitta rimediata in casa dell’Inter. Alla fine Spalletti usufruendo delle uniche due risorse in panchina, Ounas e Petagna, riusciva a vincere un match che sembrava ormai condannato al pareggio. In regalo dalla società la squadra ha ricevuto un centrocampista: Zambo Anguissa, prelevato in prestito oneroso (500 mila euro) con diritto di riscatto in favore del Napoli, il quale contribuerà all’ingaggio del camerunense soltanto al 50%.

1. La squalifica di Osimhen

La trasferta di Marassi immediatamente appariva un bel grattacapo per una serie di circostanze svantaggiose. Il rosso rimediato da Osimhen contro il Venezia costringeva la squadra a pensare un calcio diverso, più cervellotico e sacrificato, dove ognuno dei titolari avrebbe dovuto aumentare la sua verve offensiva e il suo impegno difensivo.

Osimhen con la sua corsa da duecentista diventa un’arma difensiva eccezionale, portando un pressing eccezionale che sgrava i compagni di qualche km da percorrere. E poi dà la soluzione, il nigeriano, della palla lunga non necessariamente precisa dalla quale grazie al suo fisico e alla sua velocità genera contropiedi e occasioni da gol.

2. Insigne falso 9

Il sostituto di Victor, scelto da luciano, è stato individuato nel capitano Lorenzo Insigne, così come nei 70 minuti d’inferiorità numerica contro il Venezia. Insigne però, alla stregua di quanto mostrato in nazionale, non sembra in questo ruolo sentirsi pienamente a suo agio. Ha qualche spunto veramente interessante tagliando alle spalle del difensore centrale di parte secondo dettami zemaniani.

Quando la partita ha richiesto il suo appoggio per sviluppare una manovra palleggiata, la sua incapacità di giocare spalla alla porta e di saper difendere di schiena al difensore la palla ha contribuito alla sofferenza azzurra anche sul piano del gioco.

Infatti, appena il talento di Frattamaggiore è riuscito a decentrarsi sulla sinistra, scambiandosi il ruolo con Lozano, il Napoli ha siglato il vantaggio.

Insigne dal centrosinistra sventaglia per il versante opposto trovando libero Politano. La difesa del Genoa era completamente spostata sul centrosinistra per seguire i movimenti in quella zona di campo di Lozano ed Elmas. Politano stoppa ottimamente e poi serve Fabian Ruiz. Gran finta dello spagnolo che manda al bar l’accorrente Badelij e poi trafigge, con un lento ma preciso tiro a giro all’angolino basso, il fianco sinistro di Sirigu.

Fabian Ruiz come Lozano molto pericolosi in fase offensiva ma fortemente avulsi dal gioco di squadra, incapaci così di contribuire con precisione allo sviluppo della manovra e degnamente alla fase difensiva. Il ritardo di condizione per entrambi sta incidendo gravemente.

3. Il pari del Genoa

Il pareggio del Genoa nasce da una serie di concause di cui il Napoli è sfortunato protagonista. Il centrocampo composto da Lobotka, Ruiz ed Elmas a buoni livelli di A non può reggere più di un’ora. E’ lapalissiano come al Napoli manca un centrocampista che irrobustisca la fase di recupero palla.

Anguissa, che pare essere anche un buon sostegno alla manovra offensiva (in Premier con indosso la maglia del Fulham è risultato terzo per dribbling riusciti), ha le caratteristiche ricercate. Gran fisico (185 cm) che però non inficia un dinamismo notevole. Avrà il compito, Anguissa, di fungere sia da mezz’ala incontrista (es. Allan) che da mediano al fianco di Demme o Lobotka. Il compito, in questo secondo caso, è dare profondità alla prima costruzione e portare sù il pressing (es. Kessiè).

Nel frattempo si segnala tra i mediani azzurri Lobotka. Lo slovacco autentico oggetto del mistero un anno fa sta approfittando di una parvenza di continuità per dimostrare le sue doti di regista. Grande intelligenza tattica che lo rende molto più appariscente in fase difensiva che offensiva. In quest’ultima non è dotato né di grande tecnica che di grande visione di gioco. Ciò non indebolisce un ordine di smistamento del pallone che sembra appartenergli naturalmente.

4. Il pari del Genoa

E infatti la debolezza del centrocampo napoletano progressivamente consegna ai rossoblù il pallino del gioco e conseguentemente attribuisce ai ragazzi di Ballardini coraggio. L’entusiasmo genoano è divampato però al ricorrere di due papere indolori di Meret.

Il portiere friulano si è lasciato sfuggire in presa aerea per due volte il pallone. La seconda volta, tuttavia, Meret perdendo la maniglia della sfera regala all’attaccante del Genoa un tiro a porta vuota. E’ un pareggio momentaneo, perchè il Var annulla per carica al portiere. Giudicato da Di Bello falloso il contatto che Buksa, puntero dei grifone, cerca con Meret.

Alla fine, il Genoa trova comunque il pareggio anche se Manolas e Koulibaly si segnalano per la strenua difesa dei pali adoperata. Mario Rui perde un pallone in uscita. Il Genoa approfitta del suo ritardo in copertura per rifornire Ghiglione, il quale scaraventa uno spiovente sul lato opposto dell’area, dove Di Lorenzo dimentica la marcatura dell’ottimo Cambiaso regalando a lui il gol in modo molto similare a quanto concesso a Shaw nella finale degli Europei.

5. I cambi alla fine decisivi

Spalletti non si demoralizza al pari del Genoa. Era nell’aria e forse preventivabile già alla vigilia il subire almeno un gol. Così schiera prima Ounas e poi Petagna. Il primo vive uno stato di forma straordinario: va al doppio degli altri mantenendo una tecnica in velocità che ricorda il Boga ipervalutato del Sassuolo di De Zerbi.

Nonostante giocate d’applauso e la sensazione che il franco algerino possa deciderla da solo la partita, il suo impiego resta glassa sopra la torta. Quest’ultima architetta e fatta lievitare dal bulldozer Petagna.

Il miglior attaccante di scorta del campionato. Sul procinto di andare via destinazione Sampdoria, anche se trapelano ripensamenti e revirement. Il Napoli farebbe bene a tenerselo, proprio come ha fatto con Ounas. Osimhen andrà in coppa d’africa e Mertens è sul viale del tramonto. Serve una soluzione emergenziale, la quale appartiene endemicamente a Petagna che però legittimamente vorrebbe andare a giocare le sue chances da titolare.

Il bulldozer, dopo aver rassicurato Spalletti nel pre partita sulla sua professionalità benché le voci di mercato impazzassero, entra, spizza sul primo palo un cross proveniente da sinistra di Mario Rui e segna il gol partita, poi strizza quelli che sono divenuti più poeticamente le “huevas” e si scaglia contro il plexiglass in cerca di un impossibile abbraccio del popolo partenopeo sugli spalti.

6. Mario Rui il rissoso

Il gol di Petagna restituisce serenità all’ambiente. Non a caso il Napoli conduce senza patemi la partita, fino al triplice fischio, in vantaggio. L’unico irrequieto è Mario Rui, il quale prima litiga con gli avversari, poi con l’arbitro e infine con Manolas che lo invitava alla calma.

Già ammonito per proteste, il portoghese costringe Spalletti a far esordire J. Jesus al suo posto e a panchinarlo.

E il mercato del Napoli non raggiunge la sufficienza proprio perché per l’ennesima stagione, la quinta consecutiva, l’area tecnica non ha fornito un competitor del ruolo a Mario Rui puntando ancora su un giocatore malmesso e sovente infortunato come Ghoulam. Il terzino algerino, assistito da anni da Mendes, probabilmente ha puntato sulla procura di quest’ultimo per ottenere una indebita permanenza a discapito del culb partenopeo.

Peccato, un terzino sinistro titolare avrebbe trasformato il Napoli in un team molto più competitivo che per il 4 posto: l’obiettivo fissato da De Laurentiis.

Massimo Scotto di Santolo

Genoa-Napoli 1-2: Lozano inguaia Preziosi

Un Napoli spavaldo e sbarazzino abbatte le resistenze di un volenteroso Genoa. Preziosi ora teme la B. Il Grifone dopo Genoa-Napoli è terz’ultimo in classifica.

1. Il quadro della partita: 1 tempo

Gattuso anche per le defezioni forzate di formazione schiera un Napoli obbligato a fortissima trazione anteriore. Nessun incontrista nei tre di centrocampo. Niente campo per l’equilibratore Callejon. L’unica accortezza tattica che si concede Rino è il terzino bloccato, Elseid Hysaj. Per il resto è un manifesto di assalto calcistico.

Il Napoli parte forte, domina, segna ma gli viene annullato il primo gol. Il cooling break dell’arbitro Mariani a metà della prima frazione di gara suona come un gong nel pugilato. Eppure, alla ripresa, il Napoli alla stregua del migliore Alì continua a suonare il Genoa, fin quando su una combinazione zemaniana Insigne trova un Mertens colpevolmente solo sulla sua mattonella. Il belga stoppa e con un colpo automatico deposita di piatto una palla leggermente affettata lì dove stavolta Perin non può arrivare.

Eppure durante lo show gli azzurri già lasciavano intravedere fuori programma che in una commedia divertono sebbene segnalino la non massimale attenzione dei commedianti. Prima Hysaj, poi Manolas e infine Maksimovic. Tre errori pro capite. Tre occasioni sperperate dai grifoni, su una delle quali Meret è costretto agli straordinari. Mariani invita le compagini a recuperare la strada degli spogliatoi. Sopraggiunge dunque l’intervallo.

2. Il quadro della partita: 2 Tempo

Il 2 Tempo è un dejà vu bergamasco: il Napoli torna in campo profondamente scarico. Mertens impacchetta un corner regalo a Nicola, sventagliando verso la propria porta un disimpegno inopportuno. Goldaniga brucia sul tempo il castello difensivo approntato dal Napoli per i corner e confeziona il pareggio. Complice una pressione avanzata ben ridisegnata dal tecnico rossoblu, il Napoli perde le fila del possesso palla ma rintuzza gli attacchi avversari in modo disordinato.

Alché Gattuso, rappresentatogli dalla propria squadra una incapacità di agire in possesso sin dai piedi dell’estremo difensore, inserisce Milik per favorire la palla lunga. E visto che il polacco attirando a sé il marcatore avversario può aprire spazi alle sue spalle interessanti, introduce chi quelle voragini tende a mangiarsele: El Chucky Lozano. Presto detto. Ruiz imbecca il messicano in uno spazio tra i due centrali genoani, di cui uno portato per l’appunto in giro per i Quartieri Spagnoli da Milik, ed è di nuovo vantaggio. Quello definitivo.

2. Il Napoli diverte ma soffre troppo

E’ innanzitutto apprezzabile ciò che sta compiendo il Napoli, ossia portare a dama un 5 posto più per l’onore che per la sostanza. In segno insomma anche di remissione dei propri peccati da parte dei calciatori.

Tuttavia, tocca segnalare che il Napoli di Gattuso nelle ultime 11 partite di campionato ha subito gol in 9 di esse; e in 6 delle 9 vittorie conseguite nelle 11 giocate ha chiuso soltanto con un gol di vantaggio. Tocca interrogarsi del perché di così poca impermeabilità difensiva? E del perché i match vengano lasciato così in bilico?

Le notorie disquisizioni psico-emotive, che hanno radici ataviche e non appaiano mai superate veramente, sembrano la reale causa del così poco cinismo agonistico del Napoli. In realtà si può anche convenire che i motivi di forza maggiore, che hanno impedito agli azzurri durante la gestione ADL di vincere un trofeo importante, restituiscono ai tifosi e agli addetti ai lavori una percezione d’incompiutezza, la cui ratio, non avendo alcuna origine fattuale, viene ovviamente ricercata nell’imponderabile mondo della psichiatria.

Invero si potrebbe anche disquisire di quanto incida in queste lacune napoletane l’auto-esclusione a cui hanno scelto di sottoporsi Allan e Milik per chiare vicende di mercato. Beh, il primo tendeva a manlevare i risultati di vantaggio.

Il secondo rappresenterebbe in teoria l’alternativa clamorosamente lussuosa alla prima punta. Ma, proprio nella sua funzione di match winner a gara in corso, il polacco già da tempo non è in grado d’incidere né fisicamente né tecnicamente. Stasera, dapprima, ha sbagliato un appoggio elementare per l’accorrente Younes in una situazione di 3vs2, favorevole per il Napoli, in prossimità dell’area di rigore genoana. Poi, è stato anticipato da ogni difensore genoano possibile non beccandola mai di testa.

Diventa più difficile così raggiungere gli obiettivi se gli operai specializzati vengono meno alle proprie competenze particolari.

3. Il miraggio, l’illusione, l’attesa del Genoa in B

La mediocrità tecnica dei rossoblu non è così accentuata, almeno dal centrocampo in avanti, così come si voglia far credere, benché gli allenatori succedutisi sulla panchina del Presidente Preziosi abbiano mostrato un calcio non indimenticabile. Eccettuato Ballardini.

La retrocessione tanto attesa, che a desiderarla si fa peccato nei confronti dei calciatori genoani da sempre abituati a buttare il cuore oltre l’ostacolo per centrare la salvezza, risiede nelle operazioni calcistiche del patron Preziosi. Quest’ultimo ha svilito il ruolo dell’allenatore, non solo esonerandone in quantità industriale, ma anche del giocatore stesso, costruendo rose mediocri di quaranta giocatori da avvicendarli a seconda delle logiche del campo e del calciomercato.

In particolar modo le operazioni di mercato, mirate a elargire favori a squadre potenti della nostra serie A con l’acquisto ipervalutato dei loro scarti, lo condannano al Tribunale della sportività.

Un peccato constatare come due squadre, Napoli e Genoa, promosse illo tempore insieme, siano arrivate a compiere percorsi così diversi nel tempo. Ancor più paradossale ricordare che se il mondo si fosse fermato al terzo anno di serie A dei partenopei e dei grifoni, il presidente celebrato sarebbe stato il Preziosi. Milito e Thiago Motta, gli ultimi sussulti di un personaggio di cui il calcio italiano non avverte più il bisogno.

Massimo Scotto Di Santolo