Italia – Inghilterra 1-1 (3-2 r.): l’Italia è campione d’Europa

L’Italia del calcio vince per la seconda volta nella sua storia il massimo trofeo iridato continentale per Nazioni. E’ una vittoria insperata ma meritata sul piano calcistico. Gli azzurri hanno giocato il miglior calcio (strano a dirsi) e battuto un’Inghilterra più forte che con il più classico dei suoi storici harakiri ha trovato la strada per perdere in casa un Europeo già ad un passo dalle mani della Regina e di Kane.

1. Il primo tempo

L’Italia arrivava alla sfida di Wembley da sfavorita, con il sentore diffuso che alla chiamata di Londra l’Italia avesse risposto con due finali (quella di Berrettini a Wimbledon e dell’Italia a Wembley) entrambe difficilmente vincibili. E infatti uno stoico Matteo si arrende al probabile tennista più vincente della storia: Novak Djokovic. Inoltre, pronti via, appena cantati gli inni, l’Italia del calcio è già sotto 1-0 contro l’Inghilterra.

Gli azzurri intorno alla fine del primo minuto di gioco pressano male in avanti. L’inghilterra trova una uscita palla pulita sul centro sinistra del campo. Il 3421 proposto da Southgate, per trovare ripartenze mortifere alla stregua del Belgio di Martinez, consente di trovare subito l’ampiezza sul quinto di destra, ossia Trippier. Il terzino inglese in forza all’Atletico Madrid crossa come d’uopo sull’altro quinto di centrocampo, quello di sinistra, Luke Shaw, il quale approfittando di una lettura tattica errata di Di Lorenzo scarica al volo un fendente mancino che fulmina Donnarumma sul primo palo.

L’Inghilterra, sull’onda dell’entusiasmo del gol immediatamente subito, riesce a controllare il gioco con faciltà. L’Italia è offensivamente sterile causa un Immobile giunto a completa consuzione dopo la buona partenza agli Europei. Ciro il grande non tiene botta contro Stones e Maguire. I terzini azzurri sono tenuti bassi dai quinti inglesi. L’Inghilterra è padrona del campo e svernicia il tricolore ogni qualvolta i ragazzi del Mancio provano a ripartire, essendo gli italiani atleticamente e strutturalmente inadeguati a farlo. Basti per tutti il mismatch per centrimetri e corsa tra Insigne e Walker.

2. Il Secondo tempo

L’Inghilterra non riuscendo a chiudere la pratica nel primo tempo ed essendo dotata, a differenza dell’Italia, di grandi contropiedisti preferisce affidare il possesso palla all’Italia e stagnare nella propria metà campo. La difesa dell’area di rigore, affidata d’altronde alla massiccia fisicità anglosassone, presuppone l’incapacità italica di abbattere il suddetto muro. Il contropiede è invece consegnato dal ct inglese ai furetti che animano le fasce.

Tuttavia, la consegna della sfera agli azzurri da parte dei padrone di casa si configura come opzione strategica non reddittizia. Anche grazie al fine cervello di Jorginho Frello, l’Italia macina passaggi, acquista convinzione e produce occasioni da gol. E i leoni d’oltremanica progressivamente si rimpiccioliscono in gatti spaventati, sempre più rintanati ad un palmo dal verboso e rissoso Pickford. Si consegnano al destino, quello degli inglesi, che alla fine con addosso la maglia della nazionale trovano il modo di perdere la partita.

Calcio d’angolo: l’Italia è nettamente più bassa ma il cross è tirato bene, teso. La spizzata sul primo palo di Cristante, entrato per compensare la mancanza di fisicità degli azzurri, muore nell’area piccola senza dare tempo al portiere anglosassone d’intervenire. Chiellini crea scompiglio facendo saltare la marcatura che Stones gli riservava. Quindi, sulla palla vagante si avventa Verratti che offrendo in sacrificio la sua tempia incoccia il pallone e la testa del più maestoso Philipps ma sull’incocciata ravvicinata del pescarese Pickford compie un miracolo e devìa la palla sul palo. Quest’ultimo però, a mo’ di flipper, riporta la sfera al centro della contesa dove si avventa il mai simpatico Bonucci per siglare l’1-1.

3. I supplementari e rigori

Ora gli azzurri diventano, dopo il pari, l’unica squadra in campo. Accarezzano l’idea svariate volte di un forcing arrembante rimasto però tale, una ipotesi. Alla fine coscienziosamente entrambe le squadra addivengono da due premesse diverse allo stesso risultato… i rigori: l’Italia, da un lato, impaurita dalla devastante capacità di ribaltare il fronte degli inglesi in virtù anche di una panchina dal talento sterminato a disposizione di Southgate; dall’altro, i britannici tatticamente impreparati a reagire alla fitta trama di gioco degli azzurri a cui loro stessi hanno pemesso di entrare in ritmo.

La lotteria dei rigori, occorsa sotto la curva degli inglesi, è un trattato di antropologia. L’esperienza conta eccome. L’Italia non esegue una cinquina perfetta. Sbagliano lo spaurito Belotti e l’impallidito Jorginho. Quest’ultimo, peraltro, il decisivo. Avesse segnato era già vittoria. Ma dopo il maldestro penalty tirato dal maestro italo-brasiliano, l’esterno gunners Boukayo Saka, come gli altrettanti ventenni Rashford e Sancho, sbaglia il terzo rigore per l’Inghilterra. Il secondo dei tre sui quali Donnarumma, fresco acquisto del Psg, mette i guantoni, regalando alla sua Nazione il titolo di campioni d’Europa e a sé stesso il premio di miglior giocatore del torneo.

Southgate perde ancora una volta in casa ai rigori. Nel 1996 sbagliò da giocatore il rigore decisivo in semifinale contro la Germania agli Europei che anche in quell’occasione l’Inghilterra ebbe l’opportunità di giocare di fronte al suo pubblico. Ieri sera, da allenatore, ha perso anche l’occasione di riportare un trofeo per Nazioni dopo il mondiale casalingo del 1966. Unica finale peraltro giocata dall’Inghilterra in una competizione per Nazioni.

4. L’Italnapoli

Continua la fase dell’Italia nel nuovo millennio: dipendere dai calciatori campani. Una schiera nutrita a questo europeo ha partecipato alla spedizione. Come nel 2006, alla stregua di Fabio Cannavaro, un altro campano – per l’appunto Donnarumma – si prende la scena e l’appellativo di fuoriclasse. Curioso che nell’ultimo europeo vinto dall’Italia, quello dell’evocativo anno del 1968, fossero anche in quell’occasione due i giocatori del Napoli in campo: all’epoca Zoff e Iuliano, stavolta Insigne e Di Lorenzo. Fosse stato convocato Politano al posto dell’immeritevole Bernardeschi, il Napoli sarebbe stata la società più rappresentata dall’Italia campione d’Europa. Così è solo seconda al pari di altri club come ad esempio il Sassuolo.

4. Il senso della vittoria

Il movimento calcistico italiano ora ha una grande occasione, stante l’impossibilità di colmare nell’immediato il gap infrastrutturale ed economico con altri campionati, quello di offrire alla platea dei propri tifosi un calcio eticamente pulito e tatticamente oltre che tecnicamente piacevole, all’insegna dell’estetica che non disdegna il conseguimento del risultato.

Cioè i capisaldi di cui l’accoppiata doriana Mancini – Viali si sono fatti portatori a Coverciano e che sono valsi un titolo che mancava da circa 50 anni. Il loro abbraccio a fine partite, tra le lacrime di entrambi, ha portato stile macchina del tempo un paio di generazioni indietro alla gioventù e acceso un interrogativo al telespettatore sul senso della vittoria e della vita.

Così non fosse, il successo impossibile dell’Italia a Wembley si rivelerebbe un racconto pretestuoso: ossia, sin dall’inizio, trovare la panacea del bel gioco per lenire una possibile prematura sconfitta. Una Italia poco talentuosa ma bella da vedersi. Applausi comunque. Applausi mai riconosciuti, invece, a chi in Italia ha provato a fare lo stesso tipo di calcio del Mancio perdendo nel rush finale scudetto o coppe.

Questa volte però la sorte ha coniugato il risultato col bel gioco. Chi lo dirà ai detrattori dei mister dal calcio piacevole e organizzato, come Zeman e Sarri, – al cui ultimo Mancini si è ispirato – che è possibile giocare anche in Italia in modo internazionale e divertente?

Gravina e i dirigenti della Lega di A hanno il dovere di restituire al calcio italiano il senso dell’abbraccio tra Mancini e Vialli, il senso del calcio. Ritrovato una estate durante una notte magica.

Massimo Scotto di Santolo

Foggia-Juventus ’93, Zeman: “Vorrei essere trattato sul campo da Juve”

Foggia-Juventus

In questo video amarcord di Foggia-Juventus di 25 anni fa, c’è il modo di raccontare il calcio che non c’è più e le solite polemiche che contraddistinguono ancora oggi i post partita della Vecchia Signora. 

Era il 13 settembre 1993 e a Zemanlandia andava in scena la terza Foggia-Juventus dell’era Boema. La prima andò in scena al San Nicola di Bari, davanti ad una bellissima cornice di pubblico, nel settembre 1991 e il Foggia perse immeritatamente 0-1 con un gol in fuorigioco di Schillaci, aspramente criticato da Zeman nel video qui .

Mister fa più male una sconfitta firmata Schillaci?

“Fa più male una sconfitta con un gol irregolare. La squadra ha fatto quello che poteva e non è poco. Purtroppo è stata punita da un errore arbitrale.”

Allo Zaccheria invece dopo l’impresa della stagione precedente, in cui i Satanelli superarono la Juventus per 2-1, ecco servito il primo sfavore al Piccolo Diavolo. Verticalizzazione centrale di Stroppa per l’olandese Roy, che da ala sinistra esegue una perfetta diagonale insaccando sul secondo palo di Peruzzi. Gran bel gol e classica azione Zemaniana, ma tutto vano l’arbitro Amendolia annulla. Il grande Beppe Capano della Rai iniziò il suo servizio proprio raccontando, come meglio non si può, quell’episodio.

“Non sapremo mai che partita avrebbe regalato oggi zemanlandia ai suoi fedeli, se dopo 120 secondi, quando Trapattoni aveva avuto appena il tempo di carburare il mitico fischio, l’arbitro Amendolia non avesse annullato, per presunto fuorigioco, la prodezza con la quale Roy trasforma in gol un delizioso assist di Stroppa. Forse non sapremo mai perché nemmeno con l’aiuto della moviola di Zuccalà. Sappiamo però quello che Zeman ha pensato in quel momento e detto a fine partita” 

Ed ecco che appare un corrucciato Zeman. Il Boemo grida a bassa voce la volontà di non essere sempre penalizzato ogni volta che incontra la Vecchia Signora.

“Vorrei una volta essere trattato sul campo da Juventus.  Non ci riesce sempre. Sul piano di gioco non discuto. La Juve è la Juve, può fare gol in qualsiasi momento e hanno avuto le loro occasioni, ma noi abbiamo fatto gol – due gli ricorda ancora Capano – eh due!”

Insomma per la Juventus era sempre dura affrontare il Foggia di Zeman tanto che Vialli e Tacconi ne lodavano spesso le gesta. Da queste grandi imprese è cresciuto il mito di Zeman e della sua Zemanlandia, diventata ormai, come Itaca, una patria sempre più difficile in cui far ritorno. Forse non è più tempo di gradoni e denunce. Meglio non disturbare la Vecchia Signora  e giocatori che non amano il lavoro duro, anche se questo vuol dire rinunciare alla valorizzazione di tanti giovani talenti italiani.

SALVIO IMPARATO

Zeman: “Cosa cambia questa vittoria me lo diranno domani i giornali”

ZEMAN-LAZIO-JUUVENTUS

Così si espresse Zdenek Zeman dopo il 4-0 rifilato alla Juventus di Marcello Lippi. Quella goleada del 29 ottobre 1995 resta la vittoria più larga della Lazio contro la Juventus all’olimpico.  Ecco il racconto di quella fantastica partita del corriere della sera.

SALTO IN ALTO LAZIALE

Esemplare salto in alto laziale, con folate di gioco sontuoso, con snodi a tutto pressing e ripartenze sfreccianti, per schiantare la Juve, senza nemmeno quel pathos che la sfida preannunciava. Ne discende una quaterna fiorita sulle macerie del reparto difensivo bianconero, pure se gli “zemaniani” sprecano quanto meno cinque occasioni (due Signori, prima d’ esplodere il sinistro apripista; poi Fuser, Casiraghi, e il “panchinaro” Boksic) martellando continuamente Peruzzi, acrobata spesso squadernato dentro e fuori porta. Lippi monta l’ opposizione friabile, aggravata da due attaccanti complementari come Del Piero o Di Livio fermi ad aspettare, mentre Ravanelli, incapsulato fra Chamot e Negro, resta l’ unico riferimento vero la’ davanti, dove evaporano i suggerimenti griffati Paulo Sousa, durante venti minuti di traballante equilibrio.

LA JUVE CAMMINA E ZEMANLANDIA VOLA

Nostra Signora cammina e forse, aspettando Gianluca Vialli, vorrebbe specchiarsi dentro le inerzie degli oppositori. Orientati ad applicare l’ arte del risparmio secondo recenti referenze. Invece no. Invece, il precettore boemo, ha deciso di riaprire “Zemanlandia”, trovando presto, lungo la corsia destra, le veloci sovrapposizioni Nesta Rambaudi, cosi’ trapassanti, cosi’ paralizzanti per l’ accoppiata Torricelli Tacchinardi. Li’ s’ aprono le voragini iniziali; da li’ la Lazio propone girandole di variazioni e aggiustamenti, che impegnano la creativita’ di Winter e l’ estro di Fuser, con destinazione Signori, oppure verso Casiraghi, sempre a ritmi assatanati. Percio’ , nelle file juventine ci vorrebbero tre quattro Ferrara, improvvisamente “clonati”, dovendo tamponare sul tridente inarrestabile, che permette le serpentine di Signori nonostante i tentativi di frenarle da parte di Porrini; che fa schizzare Casiraghi in asse e interscambio con il propositore occasionale.

Certo, annotata la prima prodezza di Peruzzi, che in tuffo ruba proprio l’ attimo all’ ex centravanti bianconero, le speranze juventine sembrano esistere quando Ravanelli, ostacolato da Negro, tenta la palombella contropiedistica. Traiettoria sbagliata, ma sullo slancio il centrale urta l’ amico Marchegiani, provocandogli la sospetta lesione ai crociati posteriori del ginocchio sinistro. Dentro Orsi, che collezionera’ giusto due traverse e un palo (lo stacco di testa sull’ 1 0 di Ferrara, fruitore d’ un corner di Di Livio; quindi le sfortunate esecuzioni finali di Ravanelli e Vialli per recuperare un po’ d’ onore), senza rimpiangere la sua panchina. Si’, quando le squadre di Zeman girano, il portiere diventa ruolo marginale.

Tuttavia, sotto di due reti (ma la moviola dimostrera’ che Ferrara aveva rintuzzato la botta Casiraghi proprio sulla linea), mastro Lippi s’ ingegna per attutire gli effetti devastanti dello spettacolo laziale. Via Torricelli e Di Livio; avanti con le tre punte dei bei tempi; entra Marocchi in mezzo, mentre Tacchinardi scala dietro accanto a Ferrara, e Carrera fronteggera’ Boksic, sostituto d’ un arrabbiato Beppe Signori.

Zeman gestisce le proprie enormi risorse offensive, ricorrendo a soluzioni sempre sgradite. Il tecnico laziale pare ad ogni modo vicino all’ opera tecnico tattica memorabile, garantita dalla duttilita’ dei suoi tre centrocampisti, cui sovrintende Di Matteo, e dal momento si’ dello scattista Rambaudi, decisivo “universale”. Tale intensita’ corale, alleggerisce le fatiche del quartetto arretrato, connotato da un rendimento accettabile fra coriandoli juventini, Del Piero in particolare. Il “Pinturicchio” latita, sovrastato da Nesta e dai raddoppi che azzecca Chamot. Mai una giocata, mai un lampo o un colpo di genio nel sorpasso biancoceleste. Chi soccorrera’ allora la Signora in crisi?

LE PAROLE DI UN IMPERTURBABILE ZEMAN

Imperturbabile Zeman. Non spende nemmeno un sorriso, sforna le immancabili risposte ironiche e pungenti, insomma si concede poco alle manifestazioni di gioia. Eppure la sua Lazio ha “matato” i bianconeri, e’ proiettata verso il vertice della classifica e si propone come la piu’ accreditata rivale del Milan nella corsa allo scudetto.

“Mi sono divertito e la squadra mi ha dato grandi soddisfazioni sul campo”, taglia corto Zeman alla prima domanda. Ed e’ inutile cercare paragoni con il passato, con questa o quella partita dello scorso anno o del periodo in cui era sulla panchina del Foggia. “Soffro di sclerosi, non mi ricordo”, e’ la sua disarmante risposta. Unica concessione, l’ elogio per la vittoria: “E bello battere la Juventus, e’ la prima della classe ed e’ campione d’ Italia”. Il tecnico, sguardo volpino ed espressione neutra, respinge al mittente qualsiasi tentativo di riaprire polemiche o di accenderne qualcuna dell’ ultima ora.

“Boksic? Quando e’ entrato ha fatto bene . dice . : e’ un giocatore tesserato per la Lazio. Signori arrabbiato per la sostituzione? Mi ha solo chiesto a chi doveva lasciare la fascia di capitano”. Della trionfale vittoria contro gli uomini di Lippi poco o niente, dall’ allenatore boemo: “Sul valore della mia squadra non ho mai avuto dubbi. Il migliore? Per me sono stati tutti bravi”. Piuttosto, Zeman e’ preoccupato per l’ incontro di ritorno di domani contro il Lione in Coppa Uefa: “Insisto. La formula e’ sbagliata: I nostri avversari hanno giocato venerdi’ , hanno piu’ tempo a disposizione per recuperare”. Casiraghi e’ invece al settimo cielo.

LE PAROLE DI CASIRAGHI AUTORE DI UNA DOPPIETTA

Ha firmato una doppietta contro la formazione che l’ ha lasciato andare via e ha stravinto il confronto a distanza con Ravanelli, suo rivale in nazionale: “La Juventus? Non mi interessa piu’ di tanto”, replica a chi gli chiede se qualcuno non abbia rimpianto la decisione di accantonarlo.Inevitabilmente, si parla di Scudetto.

“Il cammino e’ ancora lungo, riparliamone dopo le partite contro la Fiorentina e il Milan. Si decidera’ tutto li’ “, annuncia Casiraghi. La Lazio, comunque, sembra trasformata rispetto allo scorso torneo, quando la retroguardia assomigliava tanto a un colabrodo: “Siamo ancora imbattuti. E siamo cresciuti: siamo meno belli ma piu’ concreti, direi cinici. Abbiamo imparato anche a buttare la palla in tribuna, come e’ successo in Coppa Italia a Udine: mi sembra che proprio la Juventus, l’ anno scorso, abbia fatto cosi’ in piu’ di un’ occasione”. E il giorno delle rivincite. Rambaudi, escluso dalla formazione base all’ inizio della stagione, si e’ riguadagnato la maglia da titolare a suon di prestazioni super e di reti: “Abbiamo raggiunto una certa maturita’ . commenta. . Ma e’ vietato illuderci, non abbiamo risolto tutti i problemi. Anche se ormai siamo perfettamente consapevoli di poterci battere alla pari con le squadre piu’ forti”.