Insigne, Baiano: “Da ala con Zeman attaccava la porta non la bandierina”

Insigne-Zeman-Baiano

Se c’è qualcuno che conosce il ruolo di attacante con Zeman, quello è Ciccio Baiano. Protagonista della prima Zemanlandia foggiana conosce benissimo i movimenti che chiede il Boemo e su Insigne si espone senza nessun dubbio. Ecco le sue parole a Radio CRC.

“Sono cresciuto con Maradona, mi ha dato tanti consigli su come trattare la palla. C’era tanto da imparare in quel periodo perché non c’era solo Maradona ma gente come Giordano, Careca e ne dimentico tanti altri. Il Napoli di Insigne?L’idea di Ancelotti di metterlo più vicino alla porta è stata azzeccatissima, ma poi il merito è del ragazzo. E’ da un bel po’ l’uomo in più del Napoli, anche quando segnava di meno. La cosa che mi dispiace è che appena sbaglia una partita viene attaccato e non mi piace per niente.

INSIGNE CONTRO LA JUVE E RUOLO CON ZEMAN

“I commenti sulla sua partita contro la Juventus sono stati negativi ma non ha giocato male, è stata una partita normale per lui e anche gli extraterrestri come Messi e Ronaldo ne hanno. A Pescara lo abbiamo visto più vicino alla porta e ha segnato tantissimi gol: lavorava con Zeman ma faceva l’esterno solo che gli esterni con il boemo non attaccano le bandierine ma le porte”.

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace:

Cangelosi (vice di Zeman): “La fiducia del Boemo fu la svolta di Insigne”

Zeman-Cangelosi-Insigne

Lo storico vice di Zeman, Cangelosi,  ha parlato a Radio Marte del loro vecchio pupillo a Foggia e a Pescara, dove Lorenzo esplose a suon di gol.

ZEMAN, FOGGIA E PESCARA

“Lorenzo – spiega Cangelosi – ha avuto da parte nostra la fiducia che magari non ha trovato da altre parti. In Primavera era molto conosciuto, alla Cavese invece non ha avuto tanto spazio. Fu una stagione difficile e forse non era ancora pronto, poi è venuto da noi a Foggia dove ha trovato grande continuità.”

NUOVO RUOLO

“Me lo aspettavo – continua Cangelosi – perché ha grandissime qualità dal punto di vista tattico. E’ un ragazzo che sa quello che fa in qualsiasi situazione si venga a trovare durante la partita, sa come gestire il pallone e sa stare in campo.”

NAZIONALE

“Ha avuto la sfortuna di trovarsi in un momento storico in cui in Italia. C’è un problema generazione totale, tutti cercano di trovare l’elemento che possa risolvere i problemi, ma è difficile che un giocatore da solo possa risolvere i problemi di una Nazionale. Pensiamo che in Italia non sappiamo valorizzare un giocatore di caratura mondiale come Verratti. Spesso lui e Lorenzo vengono criticati, ma in realtà non vengono messi in condizione di esprimersi al meglio, e sono due giocatori di livello internazionale”.”

Seguici e metti Mi Piace:

Zeman sanzionato, ma dovrà solo 3000€ al Pescara

Zeman-Pescara-Sanzione-Sebastiani

E’ finita con una sanzione per Zeman, la guerra incominciata da Sebastiani in tribunale. Il collegio arbitrale ha motivato la condanna per “Insubordinazione e dissidio con il club”.

Tutto cominciò dopo la sfida con il Cittadella persa 2-0 dopo una delle migliori prestazioni del Pescara di Zeman bis. Dopo il match era previsto il riposo e il rientro per il voto nei rispettivi domicili. Con un messaggio Sebastiani impone il rientro a tutti. Il motivo, riunione tecnica, forse apparve ingiustificato al Boemo che, clamorosamente, decise di non rispettarlo. L’ordine societario di certo ma va rispettato, ma chi scrive è convinto dall’inizio della seconda avventura in B, che Zeman non è stato messo nelle giuste condizioni di allenare (ndr). Un mercato confuso e promesse non mantenute hanno incrinato un rapporto già minato da vecchie ruggini. E’ tutto scritto nell’articolo qui.

Ora purtroppo dopo l’ennesimo colpo basso di Sebastiani arriva l’onta di una sanzione ad un uomo che ha fatto della legalità, della disciplina e soprattutto dell’onestà il suo vanto. Davvero una delle più brutte pagine per la carriera del Muto, proprio nell’ultima capitale di Zemanlandia. A volerla vedere dal lato positivo almeno la condanna è arrivata con  l’attenuante “diritto al riposo”, invocata dall’allenatore e i suoi legali. In parte accolta ma, sentenzia il collegio, doveva avvertire il club. Infatti il Pescara puntava ad una multa di almeno 20000€ in base all’accordo Aiac e Figc, che prevede in casi simili una multa non superiore al 30% del dodicesimo del compenso annuo lordo, di tecnico e staff.

Orami le battaglie fuori dal campo del Maestro di Praga non si contano più, ne ha dovute e volute affrontare tante per difendere se stesso e la sua idea di campo, “colpevole” solo di essere rivoluzionaria.

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace:

Marcolin: “Zeman ha cambiato molti giocatori”

Marcolin-Zeman

Dario Marcolin, ex Lazio e ora opinionista di DAZN, ha parlato a Radio Incontro Olympia a margine di Juventus-Lazio e dopo la sconfitta dei biancocelesti contro il Napoli di Ancelotti. Nel corso dell’intervista ha parlato delle difficoltà della Lazio attuale, di Zeman e di molto altro.

ZEMAN E AMARCORD

Zeman ha cambiato molti giocatori – racconta Marcolin – il suo contributo è stato molto importante. Boksic amava più la profondità, Gigi era più di manovra. Per Zeman il centravanti doveva venire incontro e gli esterni dovevano andare alle spalle dell’attaccante per il taglio. Con questi movimenti venivano fuori i migliori gol della Lazio di Zeman. Quando non giocava Signori era Boksic a mettersi a sinistra con Casiraghi centrale. Salas – continua Marcolin – Aveva una capacità di esecuzione e velocità incredibile. Poi quell’esultanza, si tatuò anche l’immagine del suo inchino sul polpaccio. Casiraghi? Al di là del colpo di testa, si muoveva in campo molto bene.

MERCATO LAZIO

“Se Inzaghi contro il Napoli ha deciso di non mettere subito in campo i nuovi acquisti è perché ha scelto di affidarsi alla vecchia guardia. Durmisi non conosce Callejon, è ovvio che il mister biancoceleste abbia deciso di puntare su Caceres, ma questa non va interpretata come una bocciatura. Magari contro una squadra meno forte avremmo visto Durmisi. Una partita può essere forse un indizio, cinque o sei partite magari diventano una prova. Ricordiamoci che il Napoli ha fatto 91 punti lo scorso anno e contro la Lazio erano gli stessi giocatori eccetto il portiere”.

DIFESA AD UOMO O A ZONA

“Il difetto di molti difensori è quello di guardare la palla e non l’uomo che si inserisce. Spesso si marca a zona, ma più ti avvicini alla porta e più devi marcare l’uomo. A zona devi metterti quando non hai i centimetri. Ma se hai difensori come quelli della Lazio, a quel punto la soluzione migliore è mettersi a uomo. Devi guardare le caratteristiche dei giocatori per marcare a zona”

JUVE-LAZIO

“Se sei troppo rinunciatario prima o poi il gol te lo fanno. Allo Stadium vinci facendo la partita che la Lazio ha fatto lo scorso anno, ma non deve sbagliare nulla. E poi la tradizione contro la Juve a Torino è positiva, ricordo la vittoria in Supercoppa con Conceiçao. Ora ovviamente le due squadre sono differenti, questa Juve è stratosferica ma deve ancora dimostrarlo. Inzaghi dovrà impostare una squadra su misura della Juventus ed essere veloce nelle ripartenze. Contro il Chievo ho visto una squadra molto lineare che ha vinto la partita anche grazie ai cambi. Con tutto il materiale a disposizione non credo che Allegri possa incartarsi. La sua forza è la gestione dei campioni, sa motivarli al punto giusto e quando entrano danno sempre il massimo”

CAMBIO MODULO

“Credo che in cuor suo Simone voglia rimanere con la difesa a tre. Magari con Leiva e Badelj in mediana può aprire degli scenari diversi a centrocampo facendo un 3-4-2-1, con Milinkovic-Savic e Luis Alberto dietro a Immobile. Ma sarà un esperimento che eventualmente farà quando la squadra sarà più ricettiva e non prima di affrontare Napoli o Juventus. Ora devi essere più pratico possibile. Milinkovic centravanti? Più no che sì. Lui è bravo quando guarda la porta, se fai il centravanti devi imparare a giocare spalle alla porta. E’ un’altra cosa, cambia completamente la prospettiva. Non facciamoci ingannare dalla stazza fisica del giocatore”.

SALVIO IMPARATO

 

Seguici e metti Mi Piace:

Zeman finisce tra le cose vecchie

Zeman-Balzano-Pescara-Roma

Pescara e Balzano come la stampa romana. Così Zeman finisce tra le cose vecchie

La storia si ripete e così dal 1999 va in scena la partitura mediatica contro Zeman.  Non è più un diktat certo, ma quello nato 20 anni fa ha insinuato un luogo comune di cui il Boemo non si libererà più. Triste leggere da parte della stampa pescarese, dopo il pareggio raggiunto in extremis dai ragazzi di Pillon, confronti tra le rimonte subite dal maestro di Praga e quelle eseguite dal tecnico di Preganziol. Chi scrive le ritiene pretestuose e in realtà anche senza nesso.

PESCARA

Purtroppo a Pescara un problema mediatico tra stampa e Boemo esiste.  Lo scorso anno un risultato del genere a Cremona sarebbe stato accolto più come una sconfitta che altro. Basta, del resto, ripescare molti articoli dopo il pareggio a reti bianche dello Zini per cogliere la netta differenza di trattamento. Del resto, pur iniziando lo scorso anno con un 5-1 bugiardo contro il Foggia, alcune firme locali abbandonarono lo slogan  “vincere è l’unica cosa che conta” per poi descrivere una situazione intrisa di scetticismo. Operazione  poco onesta. Ma, del resto, è la cartina al tornasole di un feeling che, tra stampa pescarese e boemo, non è mai nato. Pochi gli hanno perdonato, alla vigilia del campionato,  ritenere la squadra non di vertice.

BALZANO

Dalla Cisco Roma a Cagliari nel segno di Zeman e di nessun altro allenatore. Antonio Balzano se non avesse incrociato il boemo sulla sua strada avrebbe corso il serio rischio di vedere il suo talento confinato nei meandri della terza serie. Quindi, anche se di piccola entità, la polemica sullo scarso impiego della scorsa stagione sorprende non poco. Balzano era una pedina importante per il 4-3-3 zemaniano, e con le dinamiche di mercato che riguardavano Zampano sembrava chiaro quanto, il terzino di Bitonto, sarebbe stato fondamentale nelle fasi salienti della stagione. Un pò come successe per Bocchetti nella favola 2011-2012, dove anche Balzano ebbe un periodo di appannamento che non dovrebbe dimenticare.

STAMPA ROMANA

Per quanto riguarda l’ambiente romano zemanlandia è cosa vecchia già da tempo. Quando si sognava un suo ritorno gli amarcord erano all’ordine del giorno, oggi invece nel periodo del ventennale del suo arrivo in sponda giallorossa e delle sue dichiarazioni contro il doping, nessuna traccia di un articolo o di un ricordo. Niente paura però se c’è una rimonta a sfavore della Roma ecco che il nome Zeman torna un evergreen, in senso negativo ovvio, come se il Muto avesse insegnato all’Italia pallonara solo a subire gol. Inutile citare i tanti allenatori, tra i quali proprio Di Francesco e Spalletti, che hanno definito per loro fondamentale Z. Z. , tanto i giornalisti sembrano avere tanto da insegnare oggi. La statistica che racconta Zdenek Zeman come unico allenatore a salvarsi con la peggior difesa, spiega perfettamente il tipo di rivoluzione portata in questo paese.

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace:

Capone: “Preziosi gli insegnamenti di Zeman, mi chiedeva sempre di attaccare l’area, così si fanno i gol”

Dopo Pettinari è la volta di Christian Capone ad elogiare l’allenatore Boemo Zdenek Zeman. Nonostante la brutta annata, questi ragazzi sentono sulla loro pelle gli insegnamenti del Maestro di Praga per il loro calcio, una piccola grande vittoria per chi è stato definito minestra riscaldata e liquidati con la classica storia del tempo che passa per tutti.

“In realtà nemmeno io so indicare il mio ruolo preferito. Ho giocato tanto come esterno sinistro d’attacco a Pescara, e gli insegnamenti di Zeman, che mi chiedeva sempre di attaccare l’area perché è così che si fanno i gol, sono stati preziosi. E’ quella la zona di campo che prediligo, forse più della trequarti”.

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace:

Di Francesco: “Dagli insegnamenti di Zeman traggo ancora oggi benefici”

“Le persone parlano troppo facilmente della mentalità vincente. Prima di questa, è necessario creare un ambiente vincente con regole, per poi avere una base sulla quale diventare vincitori. Questo richiede tempo”

Eusebio Di Francesco, dopo la buona annata alla Roma, si racconta a coachesvoice.com. Bella intervista in cui parla della sua mentalità verticale e come sempre elogia il suo maestro più importante, Zdenek Zeman

“Più che nascere allenatore, lo sono diventato. Non ho mai voluto farlo. E onestamente, non avevo mai pensato che l’avrei fatto. Guardavo gli altri allenatori e non volevo finire come loro. Quel desiderio è arrivato dopo. Quando ho appeso gli scarpini da calciatore al chiodo, sono diventato team manager alla Roma. L’ho fatto per un anno, ma non mi è piaciuto. Non sono stato bene, così ho lasciato. Non ho più pensato al calcio. Mi sono distanziato dal gioco. Non guardavo neanche i risultati. Poi ho provato a fare il consigliere per 6 mesi. Consigliavo un piccolo club, Val di Sangro, nel calciomercato. Ma non mi soddisfaceva neanche questo. Poco a poco, ho iniziato a sentire la mancanza dell’odore del prato. Quelle sensazioni che hai quando sei nello spogliatoio. Allenare mi ha riportato a contatto con quelle sensazioni.

In Italia, diamo più attenzione al lato difensivo del gioco piuttosto che a quello offensivo. Lavoriamo molto sulla tattica. Abbiamo molti allenatori bravi e non si lascia nulla al caso. Come giocatore, sono stato influenzato da molti allenatori per cui ho giocato. Marcello Lippi, all’inizio della mia carriera alla Lucchese. Più tardi qui a Roma, Fabio Capello. Non farò la lista completa, ma ho preso qualcosa da ognuno di loro. Positive e negative. Qualcuno di loro mi ha fatto vedere cosa fare, qualcun altro cosa non fare. Adesso come allenatore, ho guardato spesso Guardiola con grande ammirazione. E’ una cosa facile da dire, vero? Ma mi piace come pensa al gioco. Mi piace che la sua idea sia sempre andare oltre gli avversari. L’influenza maggiore per me, parlando di stile di gioco, essendo offensivo e attaccando i tuoi avversari, è stato Zdenek Zeman. Zeman è stato un precursore. Le sue squadre erano super offensive. Erano perforanti e cercavano di segnare un gol più degli avversari. Di solito non sono un fan dell’imitazione o del copiare il lavoro di qualcun altro. Ma ho imparato riguardo il lato offensivo del gioco da lui, e ne traggo ancora oggi grandi benefici.

La mia filosofia è provare a dominare il gioco. Ovviamente, non è sempre possibile. Prima di allenare la Roma, allenavo il Sassuolo. Anche quando giocavamo con squadre che erano chiaramente superiori, abbiamo sempre provato a fare la partita cercando di colpire l’avversario. Non mi piace il possesso sterile. Il possesso fine a se stesso. Io non voglio stare seduto ad aspettare l’avversario. Io voglio andare a prenderlo. Non puoi farlo sempre, ma è quella l’idea.

Il gioco è migliorato da quando ero giocatore. E’ migliorato da un punto di vista tecnico. E’ più veloce. Il portiere non prende più il pallone spesso. Ci sono meno tempi morti, e minori sono i tempi morti più bello diventa il gioco. Ora possiamo tutti fare analisi e studiare i filmati. La differenza però è fatta da quelli che riescono ad andare oltre quello che vogliono. Come ho già detto, guardare e provare a imitare qualcuno non è lo stesso che essere un allenatore che sente qualcosa e riesce a trasmetterlo ai propri giocatori. Per questo motivo, penso che ci sarà sempre qualcosa di nuovo nel calcio. Ci sarà sempre qualcuno che ha una strada propria nel fare le cose e che sia bravo a trasmetterla ai suoi giocatore. Guardo la mia Roma adesso, e penso che De Rossi abbia la possibilità di farlo. Ha i tratti caratteriali, l’esperienza e la conoscenza. Ha lavorato con tanti allenatori. Speso in futuro di essere tra quelli che gli hanno lasciato un marchio.

Il calcio non è una scienza. Ma credo che la scienza possa guidare il calcio alla crescita. Le statistiche sono utili. Possono darti importanti piste o indicazioni quando stai per prepararti ad una gara, o quando provi a migliorare le debolezze che potresti avere. Se vedo una statistica che mi mostra che la mia squadra non sta giocando molto in verticale, lavorerò su questo lato del gioco più del resto in allenamento perché sono una allenatore che preferisce giocare in verticale.

Seguici e metti Mi Piace:

A Zdenek Zeman premio Fair Play alla carriera: “Zeman modello da seguire” (FOTO)

Dopo Aurelio De Laurentiis anche a Zdenek Zeman va un premio Football Leader 2018, esattamente gli verrà consegnato il premio Fair Play-Dino Celentano alla carriera con queste motivazioni.

“A Zdenek Zeman, maestro di calcio e di vita, manifesto dello sport pulito ed esempio per i giovani con il suo comportamento dentro e fuori dal campo sempre improntato al fair play e alla lealtà sportiva. Le sue celebri battaglie hanno contribuito a migliorare il calcio parimenti alla sua idea di calcio moderno e propositivo. Zeman è, senza dubbio, un modello da seguire”.

Il premio “Fair Play alla carriera – Dino Celentano ”di Football Leader 2018 (www.football-leader.it) verrà consegnato a Zeman nel corso della cerimonia di premiazione in programma il 28 maggio all’Auditorium del Royal Continental, in una giornata che si concluderà con la cena di gala prevista nella splendida location del “D’Angelo Santa Caterina”.

Football Leader 2018 può vantare alcune partnership importanti: tra esse, per la quarta volta consecutiva, con MSC Crociere, la più grande compagnia crocieristica a capitale privato nel mondo e la principale compagnia di crociere in Europa e in Sud America. La flotta di MSC Crociere comprende attualmente 14 navi ultramoderne, tra cui “Seaside”, varata di recente, e “Seaview” che sarà varata il prossimo 9 giugno.

Al fianco di Football Leader anche Well.com della  SVE Group S.r.l., azienda emergente del centro-Sud nella commercializzazione di prodotti di elettronica, telefonia, elettrodomestici e informatica.

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace:

Mastellone: “Sarri ama la città in modo straordinario, ma vuole rinforzi per conquistare lo scudetto. Io il primo a sapere dei contatti con De Laurentiis”

Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare il commendatore Gaetano Mastellone, amico di Sarri ed ex vicepresidente del Sorrento, che rassegnò le dimissioni quando il tecnico toscano fu esonerato, nonostante fosse ad una lunghezza dai playoff, sostituito da Gennaro Ruotolo. Con lui abbiamo parlato dell’attuale situazione tra Sarri e il Napoli, dove in ballo c’è il rinnovo e l’eventuale permanenza del tecnico di Figline Valdarno

Buongiorno commendatore Mastellone, innanzitutto grazie per aver accettato l’intervista, da amico ed ex vicepresidente del Sorrento di Sarri, come sta vivendo questi dubbi di permanenza del toscano a Napoli, lei che lo conosce bene quali sensazioni ha, resterà? Quali sono le vere riserve del tecnico?

Io sto vivendo questo momento con serenità perché so bene che Sarri è molto legato al Napoli ed ama la città in modo davvero straordinario. Lui qualche settimana fa è stato chiaro: vuole avere una squadra modificata in meglio, quindi rafforzata, per conquistare lo scudetto. Senza se e senza ma.

Il mister come vive le critiche del presidente e di alcuni giornalisti nonostante il campionato fantastico e il record punti?

Il presidente credo abbia espresso, come è giusto che sia, il suo pensiero. Ambedue sono caratteri forti che, da persone intelligenti quali sono, sanno smussare gli angoli!

Polemiche arbitrali a parte, il Napoli ha perso lo scudetto per un filotto che non è riuscito a centrare, con una squadra come la Roma si può perdere, ma da Sassuolo in poi qualcosa sembra non aver funzionato. In base alle sue conoscenze Sarri si rimprovera qualche scelta, ha qualche rimpianto? Lei da presidente avrebbe avuto qualcosa da rimproverargli?

Sarri è un grande professionista, una persona dotata di un alto quoziente intellettivo e quindi sa ripartire da eventuali errori (pochi) che potrebbe aver fatto. In questi tre anni ha lavorato, e bene anzi benissimo, con il materiale umano che aveva a disposizione. Oggi è giusto che chieda qualche nuova pedina valida in più! In guerra non si combatte con le armi spuntate!

Su Sarri sono nati molti luoghi comuni, un po’ come successo a Zeman ispiratore della nostra testata, etichette fastidiose e difficili da scrollarsi di dosso. Il nostro direttore Salvatore Piedimonte è un amico comune e di sicuro ne avrete parlato, quindi domanda d’obbligo, in cosa differenzia Zeman e Sarri, che visione ha del Boemo?

Zeman ha tutta la mia stima, è un vero uomo oltre ad essere un allenatore innovativo. Differenze con Sarri? Maurizio è più moderno, ambedue sono studiosi di calcio e seri professionisti che dicono sempre ciò che pensano. No ipocrisia!

Lei che è amico diSarri, ci racconta un aneddoto inedito del vostro rapporto o della vostra esperienza al Sorrento?

Essere amici, anche se con poche assidue frequentazioni, lo si capisce da piccole cose. Ricorderò sempre la sua telefonata del pomeriggio del giorno in cui la sera doveva incontrare a cena il Presidente Aurelio De Laurentiis. Squilla il mio telefonino, era lui. Vediamoci sto venendo a Sorrento. Siamo stati insieme, c’era anche la sua Signora, per quattro ore. Poi andò a Napoli per il primo incontro a cena con De Laurentiis. Insomma sono stato il primo a saperlo! Ovvio che restai in religioso silenzio.

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace:

Auguri Maestro. Zdenek Zeman compie 71 anni, ma il calcio italiano ha ancora bisogno di lui e di fare i gradoni

Settantuno primavere e ancora tanta voglia di respirare l’erba dei rettangoli di gioco insegnando ai più giovani, almeno era cosi al suo ritorno a Pescara, preso in una situazione disperata. Il patto di prendersi una sicura retrocessione, con il presidente del Pescara, era la costruzione di un progetto vincente in serie B con largo anticipo, ma l’occasione di programmare con il vantaggio dei tempi e con le unite visioni del Boemo e di Pavone sono state sprecate. Acqua passata ormai, ma va ribadita la qualità del suo lavoro, che ha portato una squadra zeppa di primavera e di esuberi a lottare per un posto nei play off e che senza di lui si è ritrovata a lottare per evitare i play out, ancora oggi è a rischio e la sconfitta contro l’Ascoli degli ex Ganz e Cosmi potrebbe essere fatale. Facendo gli auguri al MAESTRO ci auguriamo di rivederlo già dalla prossima stagione in panchina, il calcio italiano ha ancora bisogno di lui, un calcio distratto e esclusivamente attento al mercato e alle vittorie non si accorge dell’assenza di crescita dei propri talenti, se pensiamo che i più grandi e nuovi talenti italiani li ha scoperti e cresciuti lui, ma non certo perché si è resi conto di tener esiliato uno dei più grandi innovatori del nostro tempo pallonaro, ma solo perché Casillo nel 2009 provò a ricomporre il Foggia di Zemanlandia e il Boemo accettò la sfida di tornare in Lega Pro. Quasi riuscì il colpaccio a Casillo-Zeman-Pavone con un squadra costruita con 10000 euro e una pioggia di gol, si sfiorarono i playoff e incominciò a fiorire il talento di Lorenzo Insigne, trasformato dal muto nella splendida ala sinistra che ammiriamo oggi nel Napoli. Quell’annata incuriosì, l’allora presidente del Pescara, De Cecco e complice anche l’intervento di Eusebio Di Francesco ci fu il matrimonio Zeman-Delfino, il resto è storia quel 4-3-3 con Insigne, Immobile e Verratti ha riscritto gli almanacchi e riportato Zeman tra l’olimpo dei tecnici da studiare, rivincere dopo 20 anni con il calcio che tutti ti hanno sentenziato morto e defunto è stato un vero e proprio miracolo e uno smacco ai detrattori. Oggi i principi e i concetti del suo calcio sono visibili e attuati nelle migliori squadre di A, Sarri, Di Francesco, Spalletti e addirittura Allegri hanno in modi diversi addosso l’influenza offensiva del Boemo e si fa davvero ancora tanta fatica a non vederlo con costanza nel calcio che conta, qualcosa non torna da anni, da troppo. Chi lo ama e lo segue lo sta abbracciando con tanti messaggi e ci chiede se tornerà, purtroppo non lo sappiamo ancora e se potessimo regalargli una squadra lo faremmo immediatamente, non potendo farlo chi scrive può solo regalargli un sogno, maturato in questi anni e che lo vede sostituire il dimissionario Sarri, nel malaugurato caso dovesse andar via, sulla panchina del Napoli dove sarebbe perfetto per quello che chiede De Laurentiis e per la cultura del lavoro che c’è a Castel Volturno, valorizzazione della rosa, 4-3-3 e scoperta di qualche giovane italiano, portato dalla primavera alla prima squadra, sognare non costa nulla e lo scudetto del Napoli con lui in panchina è uno dei più bei sogni che posso regalare al Maestro. Tantissimi auguri Maestro un popolo di zemaniani ti aspetta!

SALVIO IMPARATO

Seguici e metti Mi Piace: