Sarri: “Ho chiamato Verdi perché c’era un accordo con il Bologna. Insigne? Litighiamo e facciamo pace ogni giorno”

Intervenuto a Skysport24 dopo la vittoria di misura a Bergamo, contro l’Atalanta di Gasperini, Maurizio Sarri ha toccato vari temi, oltre la partita si è soffermato sulla formulazione dei calendari da parte della Lega, sul mercato e sulla situazione Verdi.

LA PARTITA

“Non so sotto quale punto di vista, ma questa vittoria ci da gusto. L’abbiamo interpretata diversamente perché l’Atalanta ci ha messo sempre in difficoltà, quindi l’abbiamo preparata diversamente. Il gol di Mertens? Ha sempre lavorato per la squadra, anche senza gol il suo apporto è stato fondamentale. Lo screzio con Insigne? Voi non avete le telecamere durante gli allenamenti, io e Lorenzo litighiamo e facciamo pace continuamente.”

LEGA E CALENDARI

“La lega per me ha fatto un errore madornale, anche se in buona fede non si può far verificare un episodio che capita una volta su un milione, giocare quattro volte dopo la Juventus può metterci un po’ di pressione.”

MERCATO E VERDI

“Qualche alternativa può farci comodo, ma se penso ai rientri imminenti di Milik e Ghoulam potrei anche pensare di farne a meno. Vorrei concentrarmi più sul lavoro per la squadra che in cose dove posso i fluire meno. Verdi? L’ho chiamato solo perché c’era un accordo con il Bologna, volevo sapere se la sua scelta di non venire avesse un nesso con la mia presenza”.

SALVIO IMPARATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *