Di Francesco: “Zeman le ripetute le chiamava “la caratteriale” perché mostrava la capacità di sofferenza dei giocatori”

Un’altra bella intervista con protagonista Eusebio Di Francesco, ecco le dichiarazioni rilasciate al Corriere Della Sera

Se potesse rubare un giocatore a una delle sue avversarie…

“Escludiamo gli attaccanti da quaranta gol a stagione?”

Non vorrebbe anche lei Cristiano Ronaldo in squadra?

“Troppo facile. Ai bianconeri ruberei Giorgio Chiellini”.

L’uomo da sottrarre al Napoli?

“Il senegalese Kalidou Koulibaly, prototipo del difensore perfetto“.

E all’Inter? 

“Milan Skriniar. L’Inter sarà molto competitiva. Ma vedo il Napoli, guidato da un allenatore come Carlo Ancelotti, abituato a vincere, un pelino sopra”.

L’anno scorso la sua Roma è arrivata terza in campionato e ha raggiunto la semifinale in Champions. Metterebbe una firma per ripetere questo risultato?

“No. Si fa questo lavoro per migliorarsi. Parlo di qualità di gioco, di gestione della squadra, di comportamenti…”

Comportamenti. È vero che dietro la cessione di Radja Nainggolan all’Inter ci sono anche problemi disciplinari? Lei a gennaio scorso lo tenne fuori da una match importante con l’Atalanta a causa di un video, comparso in Rete, in cui il Ninja fumava, beveva e bestemmiava.

“Con lui ho un bel rapporto, ci ho parlato. La cessione è legata sia a questioni economiche sia a situazioni accadute in passato. La scelta di tenerlo fuori nella prima partita del 2018 fu molto discussa, ma se si vuole portare avanti un’identità della squadra fatta anche di regole e di etica, a volte bisogna fare scelte che possono non piacere”.

Lavora molto sulla motivazione.

“Prima delle partite mi capita di scrivere delle frasi motivazionali sulla lavagna dello spogliatoio o di inviarle ai ragazzi”.

Dove le prende?

“Uno di quelli che cito di più è Nelson Mandela. Condivido l’idea che una squadra sia un corpo unico, con un’unica anima”.

Qual è il suo asse centrale ideale? Può scegliere anche tra giocatori di diverse epoche.

“Che cosa intende per asse centrale?”

Un portiere, un difensore, un centrocampista, un attaccante.

“Gianluigi Buffon, Paolo Maldini, Zinedine Zidane e… se l’attaccante deve essere una prima punta… Ronaldo, il Fenomeno. Ronaldo e Zidane sono i più forti contro cui abbia mai giocato. Decisamente fuori dal normale”.

Tra gli ex compagni?

“Francesco Totti su tutti”

Anche se fisicamente non era irresistibile.

“Quando ci allenava Zeman, Totti era sempre con me nel primo gruppo delle ripetute da un chilometro”.

Le ripetute di Zeman.

“Per quattro giorni consecutivi ci toccava dieci ripetute da un chilometro. Zeman chiamava questo esercizio ‘la caratteriale’, perché mostrava la capacità di sofferenza dei giocatori”.

Oggi persino la Masia, la leggendaria cantera del Barcellona perde colpi: i giocatori vengono venduti giovanissimi ai club, voraci di talenti.

“Regnano gli interessi dei procuratori. Portano i ragazzi fuori dai vivai e li fanno subito guadagnare. Ma senza avere un progetto tecnico”.

Il denaro fa comodo anche alle famiglie dei giovani calciatori.

“Sì, ma i soldi facili non serve alla crescita dei ragazzi. Un giovane dovrebbe passare attraverso un’evoluzione anche nei guadagni: per capire il valore del lavoro”.

Lo stadio della Roma.

“Mi auguro che venga realizzato presto. Sarebbe giusto”.

Per ora si son visti imprenditori e politici in arresto.

“Ho parlato con Mauro Baldissoni, direttore generale della Roma. Mi ha rassicurato sul fatto che noi non abbiamo a che fare con quelle vicende”.

Gli stadi sono sempre più degli sfogatoti sociali, luoghi senza regole.

“Mi infastidisce molto quando ci vado e sento parolacce in libertà, anche di fronte a bambini piccoli. Mi passa la voglia. Ma sa la cosa che sopporto meno?”

Quale?

“Vedere i tifosi che invece di sostenere la propria squadra, hanno come proprio obiettivo principale quello di offendere gli avversari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *