San Marino, il ritorno al gol con Berardi porta il marchio Modica-Zeman

Il San Marino torna al gol dopo 2 anni. Merito della rete segnata contro il Kazakistan, nella sfida persa 3-1, da Filippo Berardi in forza alla Vibonese di Modica erede di Zeman.

Come si fa a non essere romantici con questo sport

Billy Beane (L’Arte Di Vincere)

San Marino torna al gol dopo oltre 800 giorni
I kazaki rapidamente segnano tre gol e mettono le mani sulla partita, San Marino, ultimo e senza punti nel girone I, se la gioca vuole almeno un gol e lo trova al 77’ con Filippo Berardi che segna una rete storica. Gol di bella fattura, pallone in profondità, Berardi scatta, supera il portiere in uscita, lo dribbla e con un tiro preciso insacca. Il gol vale tantissimo. Perché era dal 4 settembre 2017 che la nazionale sammarinese non realizzava un gol, nel 5-1 subito dall’Azerbaigian. In casa San Marino non segnava addirittura dal 10 settembre del 2013, praticamente sei anni e due mesi. Quello di Berardi è un gol che dà tanta gioia anche al c.t. Franco Varrella, tecnico navigato, che sta vedendo i primi frutti del suo duro lavoro con questa nazionale.

Filippo Berardi

Classe 1997, Berardi ha iniziato a giocare da giovanissimo, aveva undici anni quando ha firmato il primo contratto con il Rimini. Il Torino nel 2014 lo acquista, lo lascia in Romagna prima di portarlo nella squadra Primavera. Vince una Supercoppa Italiana a livello giovanile, poi viene ceduto in prestito prima alla Juve Stabia e poi al Monopoli, realizza complessivamente tre reti. Il Torino lo ha ceduto a titolo definitivo alla Vibonese, che lo ha acquistato la scorsa estate. Berardi ha firmato un biennale e ha conquistato il posto fisso nella squadra di Modica, un allievo di Zeman, che pratica un calcio ultra offensivo. La Vibonese ha segnato 29 gol (miglior attacco con la Reggina). Berardi è ancora senza gol, ma si è procurato tre rigori e ha servito quattro assist.

Seguici e metti Mi Piace:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *