Meluso (DS Spezia): “Sembra di vedere il primo Foggia di Zeman”

Il direttore sportivo dello Spezia, Meluso, ha parlato oggi della sua squadra a Sky Sport e la paragona ai primi satanelli di Zeman

“Abbiamo avuto una certa continuità di prestazioni – dice Meluso – che ci ha sempre fatto ben sperare. C’è stata una flessione di risultati prima di Natale, ma mai di prestazioni. Non abbiamo avuto a disposizione tantissime risorse, ma quando ho accettato questo incarico sapevo che avremmo dovuto tenere i bilanci in linea. Ho trovato un allenatore ed uno staff di grande livello. Io lo seguivo da quando ero a Lecce, ma Vincenzo Italiano ed i suoi collaboratori sono gli artefici di questo momento magico. “

Il nostro articolo “Italiano come Zeman”

Italiano: “Sono cresciuto nel mito di Zeman”

“Sembra di vedere il primo di Foggia Zeman – confessa Meluso – con la differenza che qui si rischia di meno. La squadra ha preso consapevolezza: ha capito cos’è, cosa fa e come lo fa. Noi abbiamo fatto 19 acquisizioni e 12 uscite in trenta giorni in estate, abbiamo dovuto fare molto in fretta. Poi siamo cresciuti, ci siamo amalgamati, il gruppo ha fatto propri gli insegnamenti dell’allenatore che ho la fortuna di vedere lavorare ogni giorno. La nuova proprietà Platek? Per il momento non ci aspettiamo nulla. Adesso ci concentriamo sull’ottenere la salvezza, quello che verrà dopo si discuterà a tempo debito. Non dobbiamo cullarci sui risultati, l’esperienza dello scorso anno mi insegna di non farsi corteggiare troppo dai complimenti”

SALVIO IMPARATO

2 risposte a “Meluso (DS Spezia): “Sembra di vedere il primo Foggia di Zeman””

  1. Ogni volta che un tecnico fa qualche cosa di buono, il paragone è subito con Zeman. Eppure, proprio Zeman, seppur 74enne, ad oggi, non ha una panchina. Sono certo che se potesse dimostrarlo, sarebbe ancora il migliore. Certamente i peggiori sono stati gli ulitmi presidenti con cui ha dovuto lavorare e scendere a compromessi. Sarebbe bello rivedere Zdenek in panchina.Non ho dubbi che se ADL avesse il coraggio e l’illuminazione di portarlo al Napoli, con la qualità della rosa azzurra, potremmo dire ZEMANLANDIA è tornata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *